Perugia. Il Metropolita Gennadios accolto in cattedrale dal Cardinale Bassetti

Tempo di lettura: 158 secondi

fotoSono circa 40 i partecipanti al “VII incontro del clero diocesano della Sacra arcidiocesi ortodossa d’Italia ed Esarcato per l’Europa meridionale” che si svolge in questi giorni a Perugia. L’incontro, presieduto dal Metropolita Gennadios, Arcivescovo ortodosso d’Italia e Malta, ha per tema “La Divina Liturgia di san Giovanni Crisostomo”. I lavori si sono tenuti presso la chiesa greco-ortodossa di san Gerasimo e presso la sala congressi dell’albergo Sacro Cuore. Nel programma anche la visita alla città, e, oggi pomeriggio, nella cattedrale di San Lorenzo, l’incontro con il cardinale Gualtiero Bassetti e la celebrazione del Vespro nella chiesa del patrono di Perugia sant’Ercolano. L’incontro, al quale hanno partecipato archimandriti, igumeni, presbiteri, diaconi, igumene e monache, e anche fedeli che vivono a Perugia, si conclude domani, sabato, con la celebrazione della Divina liturgia presieduta dal metropolita Gennadios nella chiesa greco-ortodossa di San Gerasimo a Perugia.

L’incontro tra il Cardinale Bassetti e il Metropolita Gennadios si è svolto in clima di reciproca stima e amicizia. Gennadios ha sottolineato il forte legame con Perugia dovuto sia alla presenza di una comunità greca sia al fatto che molti presbiteri greco-ortodossi hanno soggiornato in città per lo studio della lingua italiana nell’Università per stranieri. Non secondario è il legame di stima e amicizia che unisce lo stesso Gennadiosal fondatore del Centro ecumenico e universitario San Martino di Perugia, mons. Elio Bromuri.

Sia il cardinale Bassetti che il metropolita Zervos hanno espresso apprezzamento per l’opera svolta da più di mezzo secolo dal Centro ecumenico di mons. Bromuri, direttore dell’Ufficio diocesano per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso, presente all’incontro. In cattedrale per la prima volta – come ha evidenziato lo stesso mons. Bromuri – è stata accolta una numerosa rappresentanza di religiosi e religiose della Chiesa ortodossa.

Il cardinale Bassetti ha ricordato che «per molti anni, una volta al mese, è stata celebrata la Divina Liturgia per la comunità greco ortodossa nella chiesa dell’Università prima che il mio predecessore, mons. Giuseppe Chiaretti, concedesse in uso la chiesa di Santa Croce, situata nel centro storico di Perugia, divenuta ora la parrocchia dedicata a San Gerasimo, servita dal reverendo padre George Khachidze».

Il metropolita Zervos ha espresso la sua gratitudine per l’accoglienza ricevuta in spirito evangelico ed ha portato al cardinale Bassetti «i fervidi auguri ed il saluto pasquale “Cristo è Risorto” di Sua Santità il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, il quale mi ha detto – ha proseguito Zervos – di invitare vostra eminenza al Patriarcato ecumenico come suo ospite. Il Patriarca Bartolomeo I si incontrerà a breve con Papa Francesco a Gerusalemme, in occasione del 50° anniversario dello storico incontro di Papa Paolo VI con il Patriarca Atenagora, due fondatori del dialogo ecumenico, la base del rincontro tra Oriente ed Occidente. Sono grandiose personalità spirituali che hanno aperto la strada per camminare tutti insieme verso la realizzazione della volontà di Dio».

Il cardinale Bassetti, precedendo nell’intervento il metropolita Zervos, ha commentato l’imminente incontro tra Papa Francesco e il Patriarca Bartolomeo dicendo: «si incontreranno a Gerusalemme per rafforzare i vincoli di carità fra le nostre due Chiese, nella santa memoria dei due grandi pastori Paolo VI e Atenagora».