Quadrilatero: il mare è più vicino

La superstrada è uno dei pilastri del Piano regionale dei trasporti 2014-2024

Tempo di lettura: 119 secondi

quadrilatero_cartina-2Il mare è più vicino con l’apertura della superstrada Foligno – Civitanova Marche (inaugurata il 28 luglio) che in circa un’ora consente agli umbri di arrivare sulle spiagge dell’Adriatico senza affrontare i tornanti dell’Appennino.
Superstrada che fa parte del sistema viario della Quadrilatero insieme all’altra superstrada Perugia-Ancona della quale con l’inaugurazione del tratto Pianello-Schifanoia diventa percorribile tutto il tratto umbro dallo svincolo della E45 nei pressi di Sant’Egidio fino a Fossato di Vico. In quello marchigiano la conclusione dei lavori è prevista, invece, nei primi mesi del 2018. Restano infatti ancora da completare il tratto tra Fossato di Vico e Fabriano e quello tra Albacina e Serrra San Quirico.
L’8 luglio scorso il presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva annunciato per il 28 luglio l’“inaugurazione della Quadrilatero, opera fondamentale nell’Italia centrale, oggetto di tante polemiche e scandali”. Annuncio seguito da un comunicato della Giunta regionale umbra: “Grazie al nuovo sistema viario delle opere della Quadrilatero – vi si leggeva – l’Umbria sarà collegata direttamente con il corridoio adriatico, e in particolare i due capoluoghi di regione, Perugia ed Ancona, potranno contare su un collegamento diretto”.
In realtà tra Perugia e Ancona mancano ancora due bei tratti, e sui social network si ironizza sul fatto che “si tratta della 16a scadenza annunciata” di fine lavori per un’opera cominciata quasi mezzo secolo fa. Intanto però è certo che il mare Adriatico per noi umbri è diventato più vicino con il completamento (o quasi) di queste fondamentali infrastrutture con benefici per l’economia, il turismo e anche la vita quotidiana di chi deve spostarsi tra le due regioni.

Il completameno della Quadrilatero è uno dei pilastri del Piano regionale dei trasporti 2014-2024; insieme al completamento del raccordo autostradale Civitavecchia-Orte-Terni-Rieti e della E78 Fano-Grosseto. Piano che prevede anche la realizzazione del Nodo di Perugia e l’ammodernamento e messa in sicurezza della superstrada E45.
Per i treni: accesso all’Alta velocità con la nuova stazione Medioetruria al confine tra Umbria e Toscana, e raddoppio delle ferrovie a binario unico  (da Terontola a Foligno sulla Perugia-Firenze e da Terni sino alle Marche per la Roma-Ancona) in modo da aumentare i treni veloci e migliorare i servizi per i pendolari.
Il piano propone poi di potenziare l’aeroporto umbro “San Francesco” con nuovi collegamenti nazionali e internazionali, migliorandone l’accesso con fermate per gli autobus di linea e con navette per le stazioni ferroviarie.

AUTORE: Enzo Ferrini