Regione: 100.000 euro alla Chiesa per il Fondo di Solidarietà

Firmato protocollo d’intesa, la Regione offre un grosso contributo al Fondo di solidarietà istituito dai Vescovi per aiutare le famiglie colpite dalla crisi economica

Tempo di lettura: 64 secondi

La Regione Umbria ha destinato 100 mila euro al Fondo di solidarietà delle Chiese umbre. La decisione, annunciata tempo fa dalla presidente Catiuscia Marini, è divenuta operativa con la firma del Protocollo d’intesa tra Regione, Conferenza episcopale umbra (Ceu) e Associazione nazionale Comuni italiani (Anci). Quattro pagine in cui si ricordano i risultati del Fondo di solidarietà (1.902.571,03 euro raccolti, 1.008 famiglie aiutate e 150,87 euro di costi di gestione (“praticamente zero” è sottolineato nel testo)) e, da parte della Regione, gli interventi regionali realizzati con le risorse proprie e del Fondo nazionale per le famiglie”. Nel protocollo la Regione sottolinea che la “programmazione sociale regionale e territoriale mette al centro delle sue politiche gli interventi per le famiglie” e quindi “si impegna a contribuire alla raccolta” attivata dalla Ceu destinando al Fondo di solidarietà delle Chiese umbre “100.000 euro che provvederà a trasferire entro gennaio 2012”.
Con questo atto la Regione ha risposto alla raccolta rilanciata dalla Conferenza episcopale Umbra (Ceu) per il Fondo di solidarietà a favore delle famiglie in difficoltà economiche e all’azione della Regione Umbria relativa all’attuazione della legge regionale n. 13 sulla famiglia
Il protocollo è stato sottoscritto giovedì mattina nella Sala giunta di Palazzo Donini, a Perugia, dalla presidente Marini, dal presidente della Ceu, mons. Vincenzo Paglia e dal presidente dell’Anci, Wladimiro Boccali.

AUTORE: M. R. V.