Rivitalizzare Assisi ’86, salvaguardare il creato

Incontro regionale per le attività ecumeniche

Tempo di lettura: 111 secondi

A vent’anni di distanza, l’incontro di Assisi del 1986 ‘è un seme da coltivare, assolutamente. Anche perché non ci troviamo più sull’onda di quello spirito, anzi piuttosto su una contro-ondata’. Lo ha affermato mons.Vincenzo Paglia, vescovo di Terni e presidente della Commissione Cei per l’ecumenismo, all’incontro regionale per le attività ecumeniche che si è tenuto il 10 luglio ad Assisi. All’incontro erano presenti vari responsabili delle diocesi umbre per il dialogo con le altre Chiese e religioni. A tale proposito, nell’introduzione, mons. Elio Bromuri ha lamentato il fatto che in alcune diocesi non sia stato ancora nominato un delegato per questo ambito pastorale. Per celebrare i 20 anni dello ‘spirito di Assisi’, sono già in calendario alcuni eventi organizzati dal Pontificio consiglio per la cultura e il dialogo interreligioso, dall’Istituto teologico di Assisi e dalla Comunità di Sant’Egidio. Tuttavia, ha proseguito mons. Paglia, è necessario creare un evento specifico a livello di Chiesa regionale, ed ‘esortare la nostra gente a partecipare’. Altro tema sul tavolo era la neonata Giornata per la salvaguardia del creato, che potrà essere celebrata in una delle domeniche di settembre. Per l’Umbria, si è pensato di suddividere la Giornata in due momenti distinti. Sabato 23 settembre si intendono promuovere incontri e dibattiti aperti alla cultura laica che, sui temi ecologici, peraltro, è spesso più sensibile della comunità cristiana. Domenica 24, invece, sarà la volta delle celebrazioni nelle singole parrocchie; trattandosi di una prima volta, sarà sufficiente anche il semplice utilizzo dell’apposita preghiera dei fedeli. Per articolare il progetto, è stato formato un gruppo di lavoro composto da don Enzo Greco, don Luigi Filippucci della diocesi di Foligno e Nicola Zema per Perugia. Si è discusso inoltre delle modalità con cui la nostra regione potrà partecipare all’assemblea ecumenica di Sibiu, Romania, nel 2007, visto anche il successo del Convegno ecumenico tenutosi a Terni all’inizio di giugno. Infine, mons. Paglia ha anticipato le novità che caratterizzeranno il Convegno nazionale dei delegati diocesani per l’ecumenismo (Roma, 20-24 novembre), tra cui: la presentazione del Nuovo direttorio ecumenico e dell’Annuario ecumenico d’Italia, con la partecipazione del cardinale Walter Kasper, presidente del Pontificio consiglio per l’unità dei cristiani, che promuoverà il proprio opuscolo sull’ecumenismo spirituale.

AUTORE: D. R.