Sarà riaperta l’antica chiesa di San Paolo delle Badesse

Aperta al pubblico la biblioteca benedettina

Tempo di lettura: 109 secondi

L’11 ottobre alle 17 si terrà la riapertura, con messa solenne, dell’antica chiesa di San Paolo delle Badesse a Bastia Umbra. La cerimonia sarà presieduta dal vescovo mons. Sergio Goretti, il parroco ed il Sindaco con le autorità, e verranno consegnate simbolicamente le chiavi alle suore benedettine del complesso monastico di Sant’Anna. Molte le vicissitudini storiche di questo monastero benedettino: prima Castello di un conte rurale (sec. XI), poi roccaforte nelle guerre comunali tra Assisi e Perugia, quindi, possesso signorile restaurato dai Baglioni, infine proprietà dello Stato della Chiesa. Nel 1602 Clemente VII cede la rocca al comune con l’obbligo di trasformarla in monastero di clausura dell’ordine femminile di San Benedetto. La richiesta al Sindaco e allo stesso Vescovo, è stata fatta dalla badessa suor Cecilia, la quale ha voluto la cura della chiesa di San Paolo della Badesse. ‘Il motivo per cui abbiamo chiesto la consegna delle chiavi della chiesa di San Paolo – ci dice suor Cecilia – nasce dal forte legame storico che ci unisce alla figura di santa Chiara. Nella notte tra il 28-29 marzo 1211, la Santa per fuggire dai genitori che si opponevano ai suoi voti, si rifugia nella comunità delle benedettine. Quando vengono a riprenderla si aggrappa al cippo della chiesa e alla tovaglia dell’altare, si strappa il velo, mostrando, così, il taglio dei capelli, simbolo della nuova strada intrapresa. Per mantenere vivo questo momento storico e simbolico con santa Chiara, insieme ai momenti di preghiera vogliamo offrire anche cenni storici ai visitatori’. Suor Cecilia ci informa, inoltre, che a breve riprenderanno i corsi di ricamo. Un altro progetto futuro è quello di aprire al pubblico, in giorni prestabiliti, la biblioteca benedettina, con circa 10 mila volumi tra cui cinquecentine, molti libri di grande pregio, che vanno dal ‘600 all’ ‘800; le sale di consultazione sono già restaurate, ma la catalogazione è agli inizi. Dalle parole di suor Cecilia, insieme alla gioia del risultato ottenuto, trapela il bisogno di sensibilizzare la gente per il sostegno delle benedettine di Sant’Anna presenti nelle Filippine: un sostegno che può essere semplicemente l’adozione a distanza di bambini poveri, o sostegno alle novizie presenti nelle Filippine. Per informazioni: monastero delle benedettine di Sant’Anna, tel. 075/8001151.

AUTORE: Silvia Buzi