Solidarietà con il Molise

Celebrata la festa di Santa Lucia

Tempo di lettura: 95 secondi

E’ ormai da cinque anni che a metà dicembre, in occasione della festa di Santa Lucia, si celebra la messa proprio in una zona di Bastia Umbra che porta il nome della Santa. La celebrazione si è tenuta domenica scorsa presieduta da don Michele Zullato. E’ dal 1997, in occasione del restauro dell’edicola dedicata alla Santa, situata in questa zona, che il Comitato di Santa Lucia ha deciso di ricordare ogni anno questo momento. Prima dell’edicola, infatti, ricordiamo che vi era la chiesa di Santa Lucia antica quanto quella di Sant’Angelo. Dal 1998 il Comitato in rappresentanza degli abitanti del quartiere decise di raccogliere dei fondi per effettuare delle adozioni a distanza con l’intervento del Centro internazionale per la pace di Assisi. Oggi, grazie alla solidarietà della gente, si è potuti arrivare ad adottare tre bambini, una filippina, l’altra del Perù e infine un bambino della Costa d’Avorio di nove anni. Nel 2001 il Comitato ha ricevuto dal Centro internazionale una bandiera della pace come attestato di riconoscimento per la sensibilità dimostrata per queste iniziative che cercano di aiutare bambini che vivono in situazioni precarie e disagiate.Anche quest’anno si sarebbe voluto continuare ad adottare altri bambini, ma vista la calamità del terremoto del 31 ottobre che ha colpito alcune zone del Molise, il Comitato di Santa Lucia insieme agli amici del Chiascio e alla Compagnia del Mangia e Bevi hanno pensato di convogliare le proprie forze, fornendo materiale didattico ed audiovisivo ai bambini del comune di Bonefro. Questo è un piccolo paese colpito anch’esso dal terremoto che conta 1.900 abitanti con una percentuale del 60% di abitazioni inagibili e circa 700 persone senza tetto. A questo proposito il Comitato fa appello alla gente perchè possa dare un piccolo contributo per aiutare queste persone in difficoltà. La comunità sarà poi informata direttamente del materiale e del denaro inviato e chi volesse notizie può rivolgersi in particolare al sig. Marco Rosi.

AUTORE: Ombretta Sonno