Sulla strada per Loreto

La città offre ospitalità a ben 350 giovani diretti all'Agorà dell'1-2 settembre

Tempo di lettura: 113 secondi

Con una risposta generosa e convincente anche la Chiesa eugubina si è messa a disposizione per concorrere alla migliore riuscita del grande incontro nazionale dei giovani in programma a Loreto nei giorni 1 e 2 settembre con la presenza di Papa Benedetto XVI. Alla diocesi infatti è stato affidato l’incarico di ospitare, nei giorni immediatamente precedenti (29 – 31 agosto), quanti arrivano da località più lontane. Una forma di partecipazione e condivisione significativa per i tanti valori che contiene, curata dal Servizio di pastorale giovanile. ‘Possiamo considerarci soddisfatti ‘ commenta Simone Minelli, uno dei coordinatori ‘ in quanto la sensibilità delle nostre famiglie ci ha consentito di reperire ben 350 posti, tutti presso case private che si sono aperte per dare ospitalità a ragazzi e ragazze provenienti da Velletri, Rieti, Aosta, Roma, dalla spagnola Valladolid, dalla Svezia, dall’Estonia e dalla Spagna’. Ai giovani ha intanto indirizzato il suo saluto anche il vescovo mons. Mario Ceccobelli. Dopo aver ricordato la tradizione di santità della Chiesa eugubina, richiamata a titolo esemplificativo dai presuli san Giovanni da Lodi e dal patrono sant’Ubaldo in onore del quale si svolge il 15 maggio di ogni anno la celebre festa dei Ceri, aggiunge: ‘Siete qui per preparavi ad un grande evento: l’incontro con il successore di Pietro, Benedetto XVI, che ha dato appuntamento ai giovani italiani a Loreto nei giorni 1’e 2 settembre. Anche i giovani di questa Chiesa particolare hanno accolto l’invito del Papa e molti saranno con voi nella cittadina marchigiana. Sono stati loro a prepararvi l’accoglienza nelle nostre parrocchie. Vi affido pertanto a questo magnifico gruppo della Pastorale giovanile, con la certezza che vi aiuterà a vivere momenti belli e significativi per il vostro cammino di fede e per la vostra crescita umana. Spero di incontrarvi durante il periodo della vostra permanenza a Gubbio, ma fin d’ora vi convoco tutti in cattedrale venerdì 31 alle ore 18 per celebrare insieme l’eucaristia e preparaci al grande incontro con il Santo Padre’. Sarà questo il momento più significativo di una tre giorni che la città, in tutte le sue espressioni, è chiamata a vivere con il necessario coinvolgimento, per valorizzarne i contenuti di integrazione e scambio di esperienze che contiene al suo interno. Una tre giorni che consente anche al territorio eugubino di vivere lo spirito dell’incontro lauretano.

AUTORE: Giampiero Bedini