Umbria: nel centro Italia prima nella raccolta differenziata

Tempo di lettura: 100 secondi

discarica-2Nella raccolta differenziata, all’Umbria spetta il podio per il centro Italia. Lo ha ricordato con orgoglio l’assessore regionale all’Ambiente, Silvano Rometti, nel corso della presentazione dei dati 2012 della ‘differenziata’. “Per il secondo anno consecutivo – ha detto – in Umbria si registra un significativo incremento della raccolta differenziata, accompagnato da un decremento complessivo dei rifiuti, che da 600 mila tonnellate è passata a 500. Solo due anni fa l’Umbria aveva un livello di raccolta differenziata del 32 per cento, al di sotto della media nazionale che era del 35 per cento. Nel 2012 è stata conseguita la media annuale del 44 per cento, la più alta del centro Italia. Il dato è ancora più incoraggiante se si considera che nell’ultimo quadrimestre è stata superata la soglia del 46 per cento, e che i primi dati – non ancora ufficiali – del 2013 segnalano il superamento del 70 per cento in alcuni Comuni di grandi dimensioni. Ciò grazie al sistema di raccolta ‘porta a porta’ sul quale la Regione ha decisamente puntato”.

Dagli scarti nascono i robot

“Sporcati le mani, pulisci la mente” è uno degli slogan scelti da un gruppo di giovani che hanno costituito a Perugia il laboratorio “Dinamica polo artistico del riciclaggio”. Con materiali di scarto costruiscono robot e tante altre cose. Fanno parte dell’associazione “Fiorivano le viole”, nata per far rivivere uno dei quartieri più a rischio desertificazione dell’acropoli perugina. Dai locali di via Cartolari si sono da poco trasferiti nella nuova sede di via della Viola, che è anche punto di incontro di tanti giovani (e non solo) stanchi di un consumismo all’insegna dell’usa-e-getta. E così nel laboratorio di “robotologia” con stoffa, metallo, pezzi di plastica e di nastri nascono robot di varie forme e dimensioni. Alcuni di questi vengono poi utilizzati nel laboratorio “ludoteca” per giochi vari ed anche come pedine nei tradizionali giochi da tavolo. Nel laboratorio “Oh paper” la carta viene riciclata in mille modi, mentre in quello di “scatologia” vecchie cartoline diventano scatole multicolori.

 

Sullo stesso argomento:

Rifiuti: la raccolta che fa la differenza