Un Festival tutto dedicato allo sport

È in corso in questi giorni a Perugia il Festival del calcio e dello sport, evento unico nel panorama nazionale

Tempo di lettura: 97 secondi

FestivalDelCalcio-cmykPer iniziare a entrare nel clima delle Olimpiadi di Rio de Janeiro, Perugia organizza, dal 2 al 5 giugno, la seconda edizione del “Festival del calcio e dello sport”. Corso Vannucci si è trasformato, in senso figurato, in uno stadio a cielo aperto, pronto ad accogliere atleti, addetti ai lavori e appassionati. Un evento che, come sottolineato dall’assessore regionale all’Innovazione, Antonio Bartolini, “è unico nel panorama nazionale” e prevede un programma variegato con circa 50 eventi.
Ad aprire la rassegna, uno degli sport più antichi: il ciclismo. Il primo giorno, infatti, i corridori hanno raggiunto in bici il centro di Perugia dando ufficialmente il via all’evento. “La bici è stata candidata al premio Nobel per la pace, ed essendo questo il festival dello sport, ci sembrava giusto riservarle un spazio importante” ha spiegato il direttore artistico della manifestazione, Alessandro Riccini Ricci.
Circa 100 i nomi noti che hanno aderito all’iniziativa, importanti firme e voci del giornalismo e sportivi di fama assoluta. Tra i cronisti, Pierluigi Pardo, Riccardo Cucchi, Marco Mazzocchi, Massimo Marianella, Marco Civoli, Paolo Condò; è possibile inoltre incontrare, tra gli altri, Arrigo Sacchi e Gianni Rivera.
Numerosi gli sponsor, nazionali e locali: Sky, Rai, Gazzetta e Corriere dello sport, Repubblica, ma anche Umbria Radio e StarShop. Questo progetto, presentato anche a palazzo Chigi, ha ottenuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri. Collaboreranno all’evento anche il Coni Umbria e il Comitato italiano paralimpico (Cip), i cui atleti daranno vita ad alcune dimostrazioni di pallacanestro e pallamano in carrozzina.
Il festival è anche l’occasione per ricordare due indimenticabili personaggi dello sport umbro: l’allenatore di calcio Marcello Pasquino e il prof. Ruggero Celani, che il presidente del Coni Umbria, Domenico Ignozza, ha definito “un uomo di sport e di scuola, un maestro per tutti noi”. Ci sarà anche modo di augurare “in bocca al lupo” ai tre atleti umbri che si sono qualificati per le Olimpiadi: Annalisa Calagreti (judo) Andrea Santarelli e Lucia Lucarini (schermidori).

AUTORE: Michele Mencaroni