Un “gioiellino” barocco nel centro storico di Perugia

Riaperto dopo un lungo restauto l'Oratorio di Santa Cecilia

Tempo di lettura: 99 secondi

Al termine di un lungo e accurato restauro è stato ufficialmente riaperto l’Oratorio di Santa Cecilia che, per l’occasione, ha ospitato la presentazione del programma di Umbria jazz 2001. Questo piccolo gioiello barocco, completamente rinnovato, sarà utilizzato come club del Festival e, in attesa della riapertura di San Francesco al Prato (prevista per la fine del 2003), ospiterà la maggior parte delle proposte artistico-musicali che il Comune di Perugia, in collaborazione con le varie associazioni musicali, proporrà ai perugini. Il seicentesco Oratorio, ambiente fin dal principio votato alla musica (non per niente i padri Filippini lo hanno dedicato alla santa patrona dei musicisti) era chiuso da tempo e penalizzato da un vistoso degrado. L’ultima destinazione pubblica fu quella di sala cinematografica parrocchiale. Il Comune di Perugia lo ha preso in affitto dai suoi proprietari e ristrutturato completamente facendone uno splendido piccolo auditorium nel cuore del centro storico. La capienza è di circa 150 posti, che però in futuro potrebbe essere aumentata con l’utilizzo dei palchi. I lavori sono durati alcuni anni (più del previsto), complici anche il cambiamento del progetto di recupero e l’alternarsi di due diverse ditte. Ma l’Oratorio è stato sottoposto in questo periodo ad un accurato restauro, a partire dal consolidamento strutturale, con il rifacimento completo del tetto e della pavimentazione, la messa a norma di tutti gli impianti, la ripulitura degli elementi architettonici e pittorici, quest’ ultima a cura della Soprintendenza. Il progetto dell’Oratorio è opera dell’architetto perugino Pietro Baglioni (1629-1705) che si ispirò ai modelli barocchi del Borromini. Si tratta di una struttura a simmetria centrale con quattro lobi, dotata di un’ottima acustica e molto confortevole. Il Comune, oltre all’impegno delle sue strutture tecniche, ha speso per quest’opera più di un miliardo, al quale bisogna aggiungere altri due generosi interventi, quello dell’Heineken e quello di Tony Bennett. L’ Oratorio di Santa Cecilia torna quindi a risuonare di musica, e sarà Umbria Jazz a tenerlo a battesimo in questa ritrovata vocazione.

AUTORE: Francesco Locatelli