Un grande sì a Dio

TODI. Suor Maria Angelica, delle Minime , compie 100 anni. 75 vissuti in monastero

Tempo di lettura: 127 secondi

Mese di maggio: la tradizione cattolica in questo tempo venera particolarmente la beata Vergine Maria. Alcuni avvenimenti ci fanno riflettere sulla fede della Madonna, sul suo “sì” a Dio, e com’è attuale e per niente fuori tempo donare la propria vita al Signore. Sabato 7 maggio ha compiuto 100 anni una monaca di clausura che vive da settantacinque la sua consacrazione al Signore. Suor Maria Angelica, nata Elvetica Petrini, è una monaca dell’ordine delle Minime di S. Francesco di Paola e dimora nel monastero della Rocca a Todi. Suor Angelica, in occasione dei festeggiamenti, ha detto delle cose che ci fanno riflettere: “Fin dalla mia gioventù ho seguito il Signore, camminando con lo sguardo fisso in Colui che mi amò così tanto da volermi tutta per sé! La mia lunga e bella vita agli occhi del mondo sembra una vita sprecata, è simile al chicco di grano che messo sotto terra non si vede nei mesi invernali, è nascosto, protetto, ma quando germoglia e cresce porta il pane nel mondo”. Che cosa aggiungere? Solamente un ringraziamento per questa donna che ha saputo fare della sua vita, come Maria, un dono totale. Il 22 maggio nel convento di Montesanto si aprirà il Capitolo provinciale dei Frati minori dell’Umbria. Nell’occasione sarà traslato dal tempio di S. Fortunato alla chiesa del convento il corpo del beato Ruggero da Todi. Ruggero seguì san Francesco d’Assisi, vivente il santo. Francesco disse di lui: “Imitate la carità di Ruggero”. Seguì con amore e dedizione vari conventi di monache Clarisse, compreso Todi, e fu padre spirituale di santa Filippa Mareri di Rieti, una nobile donna affascinata dall’ideale francescano tanto da dar vita ad una congregazione di suore tuttora fiorente. Il “sì” pronunciato da questo giovane francescano del Medioevo continua a produrre frutti di bene. Infine domenica 29 maggio si festeggia la Madonna del Campione, in ricordo del miracolo dell’apertura degli occhi avvenuta nel 1796 di fronte ad un popolo terrorizzato dal “liberatore” Napoleone Bonaparte. In questo giorno nel duomo di Todi alle ore 17 saranno ordinati diaconi, per essere poi sacerdoti, i seminaristi Danilo Innocenzi di Pesciano di Todi, Riccardo Ceccobelli di Pantalla di Todi e Dariusz Kowalewski, un giovane polacco da anni presente in diocesi, che ha frequentato il Seminario regionale di Assisi, attualmente al servizio nelle parrocchie di Avigliano Umbro, Castel dell’Aquila e Dunarobba-Sismano. Come Maria pronunceranno il loro “sì” definitivo donando la vita al servizio del Signore e della Chiesa, inserendosi così sulla lunga scia di amore e di bene che da duemila anni attraversa questo nostro mondo.

AUTORE: Don Marcello Cruciani