Un teologo divenuto pastore

Mons. Gualtiero Sigismondi, nominato vescovo di Foligno, ha un'ampia preparazione teologica, ed una molteplice esperienza pastorale. Il 'Chi è' in breve.

Tempo di lettura: 130 secondi

Moltissimi saranno curiosi di conoscere meglio la persona e la vita del nuovo vescovo di Foligno. Lo facciamo in modo schematico ripercorrendo le tappe della sua formazione e della sua attività nella Chiesa.Don Gualtiero Sigismondi – nato a Bastia Umbra il 25 febbraio 1961 è stato ordinato da mons. Cesare Pagani il 29 giugno 1986, divenendo presbitero della Chiesa perugina. Alunno del Pontificio Seminario Regionale Umbro, ha frequentato il quinquennio istituzionale presso l’Istituto Teologico di Assisi (1979-1984); in seguito, quale alunno del Pontificio Seminario Lombardo in Roma (1984-1988), ha frequentato la Facoltà di S. Teologia della Pontificia Università Gregoriana, conseguendo nel 1986 la licenza in teologia sistematica e nel 1993 il dottorato di ricerca.Nel 1988 è stato nominato vice-rettore del Pontificio Seminario Regionale Umbro, di cui è diventato direttore spirituale nel 1996, incarico ricoperto fino al 2004. Contestualmente al servizio di formatore – svolto per 16 anni – è stato parroco della parrocchia di Ripa dal 1988 al 1993 e docente di teologia sistematica, a partire dall’anno 1988/89, presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Assisi, del quale è diventato direttore nel 1994, fino al 2002. Dall’anno accademico 1997/98 è docente stabile di teologia sistematica presso l’Istituto Teologico di Assisi, ove ha insegnato come docente incaricato a partire dall’anno accademico 1995/96. Dal 2001 al 2008, per due trienni, è stato assistente regionale unitario di Azione Cattolica. A livello diocesano, oltre a ricoprire l’incarico di parroco e di assistente della sezione perugina dei Giuristi e dei Medici cattolici, è stato membro del Consiglio presbiterale (1987-2002) e del collegio dei consultori (1992-1997). Attualmente è vicario generale dell’Arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve, segretario generale del Sinodo diocesano, membro della commissione per la valutazione dei candidati agli ordini e assistente religioso per i giovani dell’ONAOSI maschile di Perugia. Oltre alla redazione, ad uso privato degli studenti, della dispensa di Ecclesiologia dal titolo ‘La Catholica Madre dei Santi’ e alla pubblicazione integrale della tesi di dottorato – che ha conosciuto due edizioni (1992-2002) – dal titolo ‘La Chiesa un focolare che non conosce assenze. Studio del pensiero ecclesiologico di don Primo Mazzolari (1890-1959)’, ha pubblicato, alcuni articoli, ma anche un saggio dal titolo ‘Spero perché credo la Chiesa. L’ordito ecclesiologico della trama pastorale di mons. Cesare Pagani (1920-1988)’. Riconosciuto maestro di preghiera e di spiritualità, è stato invitato a predicare molteplici corsi di esercizi spirituali, prevalentemente ai preti ed ai seminaristi, in particolare nei Seminari maggiori di Milano e di Padova, Seminari regionali di Ancona, di Molfetta, di Siena, e al Pontificio Seminario Romano Maggiore. Quello che maggiormente si rileva in questo curriculum è prima di tutto l’ampia preparazione teologica e poi la molteplicità e varietà di ministeri svolti, che rendono ricca la sua competenza ed esperienza di vita ecclesiale.