Volontari della Croce rossa, per promuovere pace e solidarietà

XIII Corso di primo soccorso della Croce rossa e Concorso letterario nelle scuole

Tempo di lettura: 164 secondi

Con gli esami sostenuti dagli aspiranti volontari del soccorso e dai pionieri del comitato locale della Croce rossa italiana di Bastia Umbra, si è concluso il ciclo di lezioni teoriche e pratiche del XIII Corso di Primo soccorso. Hanno ottenuto l’abilitazione a svolgere attività di volontariato 15 volontari del soccorso e 11 pionieri, giovani in età compresa tra i 14 e i 25 anni. Dopo un tirocinio di tre mesi che ha visto i partecipanti al XIII corso impegnati nelle attività di primo soccorso e protezione civile, gli stessi già prestano servizio presso il Comitato e affiancano gli altri volontari nelle attività di trasporto infermi, assistenza, interventi di primo soccorso durante le gare sportive e le manifestazioni fieristiche. Se la presenza dei volontari è necessaria e indispensabile per il buon funzionamento del comitato altrettanto lo è la disponibilità e l’efficienza dei mezzi di trasporto. A tale proposito il parco macchine del Comitato locale Cri di Bastia Umbra è stato fornito di un pulmino per il trasporto dei disabili e l’acquisto del mezzo è stato possibile grazie al contributo della popolazione e al ricavato dei servizi di trasporto infermi. Per quanto riguarda la Sezione femminile del Comitato locale Cri di Bastia Umbra essa conta al suo attivo 61 iscrritte che svolgono attività di assistenza, raccolta fondi e diffusione di principi umanitari nelle scuole, sempre in collaborazione con le componenti dei volontari del soccorso e pionieri. Tra le ultime iniziative è da segnalare il VII Concorso grafico-pittorico-letterario indetto nelle scuole elementari e medie di Bastia Umbra per l’anno scolastico 2001-2002 dal titolo “Io e gli altri per costruire insieme la pace”. Al fine di promuovere una crescita culturale e personale dei giovani attraverso la conoscenza e la sensibilizzazione di atteggiamenti positivi nei confronti dell’altro e diffondere così una “cultura di pace” in un mondo che sembra conoscere solo il linguaggio della forza e della sopraffazione, le volontarie della Sezione femminile con la collaborazione dei pionieri, hanno incontrato i giovani nelle scuole. Ai bambini delle scuole elementari sono stati proposti giochi socializzanti come per esempio “salva l’amico” e agli alunni delle scuole medie schede didattiche per la ricerca e la discussione in classe. L’esperienza ha dimostrato quanta ricchezza c’è nei giovani interlocutori che riescono a mettere a fuoco i problemi più urgenti nel caso specifico in merito alla necessità di costruire la pace, sensibili alla testimonianza di altruismo che i volontari di Cri e non solo dimostrano nei confronti di chi ha bisogno. I dirigenti scolastici e gli insegnanti hanno favorito l’opera dei volontari nell’accompagnare gli alunni in un percorso didattico che si basa sulla concretezza e l’esperienza diretta di realtà molto significative per i giovani. La premiazione del VII Concorso avrà luogo sabato 4 maggio al Cinema Esperia di Bastia Umbra alle ore 16 e vedrà la partecipazione di don Antonio Mazzi, ispiratore e guida delle comunità legate al progetto “Exodus” e autore de Il libro della pace di recente pubblicazione. Il Coro delle “Verdi note” dell’Antoniano di Bologna, diretto dal maestro Stefano Nanni, si esibirà in uno spettacolo musicale e altre sorprese saranno riservate per festeggiare il lavoro dei giovani che hanno aderito al concorso. I lavori saranno esposti negli spazi del Centro San Michele, attiguo al Cinema Esperia. Le offerte raccolte saranno devolute all’acquisto di un defibrillatore.

AUTORE: Raffaella Bartolucci