Al “Don Guanella” di Perugia evento di solidarietà in musica

L’Opera Don Guanella “Centro Sereni” in Perugia a sostegno del “Fondo di solidarietà delle Chiese umbre” con l’evento musicale “Dalla Carità per la Carità”

Tempo di lettura: 165 secondi

BASSETTI in Visita al Don Guanella-ottobre2009“Dalla Carità per la Carità” è l’evento musicale di solidarietà promosso per contribuire al “Fondo di solidarietà delle Chiese umbre” per le famiglie in difficoltà per perdita del lavoro a causa della crisi economica. E’ un evento che vede impegnata l’Opera Don Guanella “Centro Sereni” in Perugia, domenica 26 ottobre, alle ore 17, con il concerto presso la Sala-Teatro della sua sede in località Montebello (strada Tuderte, 48), e vedrà al pianoforte il maestro don Gerardo Balbi che ha suonato per Papa Francesco il 4 ottobre 2013 all’Istituto Serafico di Assisi, e al violino il maestro Paolo Franceschini. In occasione dell’evento, il giorno prima, il cardinale Gualtiero Bassetti celebrerà la messa nella chiesa del “Centro Sereni”, il 25 ottobre alle ore 18.

“Dalla Carità per la Carità” nasce da un’idea del costituendo gruppo umbro dell’Associazione Nazionale Cooperatori San Luigi Guanella, in particolare da Martino e Michel, due cooperatori guanelliani perugini, ed è un’iniziativa che si inserisce nel progetto “Il Pianoforte della Carità”, frutto dalla creatività cristiana dei cooperatori guanelliani, attivo da marzo scorso grazie ad un buon pianoforte a mezza coda allungato donato dalla Fondazione “Brunello Cucinelli”.

L’obiettivo del progetto è quello di arricchire le attività di musicoterapia offerte dal “Centro Sereni” e di organizzare eventi musicali di solidarietà durante i quali «la musica», che come diceva Giovanni Paolo II, «è uno strumento di vera fraternità» e il suo linguaggio universale unisce, suscita emozioni, è mezzo per favorire la comunicazione, l’aggregazione e l’integrazione. La musica vuole anche contribuire a creare occasioni d’incontro per avvicinare le persone alla realtà guanelliana perugina e, con le offerte generose che si raccolgono, aiutare l’Opera don Guanella presente in 22 Nazioni con le sue molteplici attività caritative a favore di bambini e ragazzi in difficoltà, persone con disabilità psicomotorie, anziani, ammalati…

Il 24 ottobre, in occasione della festa liturgica di san Luigi Guanella, sette cooperatori emetteranno la “promessa di cooperatore” dando così vita al gruppo umbro di questa Associazione molto attiva in Italia (e nel mondo).

In Umbria (a Marsciano) la presenza guanelliana risale al 1946, a seguito di una donazione dei coniugi Sereni che permise, un decennio più tardi, di realizzare la sede del “Centro Sereni” in Perugia, una struttura socio-riabilitativa ed educativa che accoglie come una famiglia (chiamando «ragazzi» gli ospiti pazienti), in trattamento residenziale, 60 persone di sesso maschile in età adulta, con deficit cognitivo medio-grave, gravissimo e 15 persone in trattamento semiresidenziale. Le patologie più frequenti sono quelle su base genetica e le encefalopatie da sofferenza perinatale con o senza epilessia. Il personale specializzato e professionale che è chiamato a custodire, proteggere, educare, assistere ed accompagnare questi ragazzi lungo il loro percorso quotidiano di vita opera partendo dalla consapevolezza che «l’educazione è soprattutto opera del cuore» (Don Luigi Guanella). Un’Opera benemerita che, in occasione del 50° anniversario della sua presenza nel capoluogo umbro (2009), ha ricevuto anche un prestigioso riconoscimento civile, l’Iscrizione all’Albo d’Oro della città di Perugia, conferito al Don Guanella “Centro Sereni” dall’Amministrazione comunale.

Dai cooperatori guanelliani umbri giunge l’invito a partecipare all’evento dell’Istituto Don Guanella “Centro Sereni”, al quale interverrà anche il direttore della Caritas diocesana perugina Daniela Monni e che vede l’adesione delle Acli provinciali, del Forum delle Associazioni Familiari dell’Umbria, del Centro Sportivo Italiano-Regione Umbria e della Sezione provinciale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.