All’abbazia di San Pietro in Valle la Coobec restaura un affresco

Tempo di lettura: 66 secondi

Abside-san-pietro-in-valle-ferentilloLa Coobec (Cooperativa beni culturali) di Spoleto), sotto la sorveglianza della Soprintendenza per i Beni storico artistici ed etnoantropologici dell’Umbria, sta eseguendo dei restauri all’interno dell’abbazia di San Pietro in Valle, a Ferentillo (Tr). In particolare si tratta di un affresco del XIV secolo conservato all’interno della piccola abside di destra, nel transetto della chiesa.

Il restauro è stato possibile grazie alla sponsorizzazione di 17mila euro dell’Atg Trust di Oxford dopo un contatto creato dalla dott.ssa Irene Maturi. Il dipinto è classificato come uno dei più importanti reperti di scuola giottesca, conservato nella stessa abbazia. Al centro vi è la Madonna in trono con il bambino e ai lati S. Michele e S. Gabriele, mentre in basso a destra, in ginocchio e riccamente vestito, è ritratto forse il committente dell’opera stessa.

“Gli interventi – spiega la restauratrice Antonella Filiani – sono iniziati ad ottobre e si concluderanno a gennaio 2014. Attualmente sono in corso preliminari operazioni conservative consistenti nel risanamento degli strati preparatori, rimozione di precedenti improprie stuccature cementizie e pulitura della pellicola pittorica. In particolare, quest’ultima fase d’intervento sta evidenziando la presenza di diversi rifacimenti di restauro operati nel tempo ad integrazione dell’immagine pittorica evidentemente lacunosa, per cui la Soprintendenza, nella persona dell’ispettrice di zona Margherita Romano, sta vagliando scelte e soluzioni più opportune da adottare”.

AUTORE: Sa. Sa.