Benedetta la statua di santa Rita

Il viaggio apostolico a Cuba e negli Stati Uniti d’America di Papa Francesco

Tempo di lettura: 137 secondi

Papa Francesco e l'arcivescovo Renato Boccardo davanti alla statua di santa Rita in piazza San Pietro
Papa Francesco e l’arcivescovo Renato Boccardo davanti alla statua di santa Rita in piazza San Pietro

“Sono lieto di accogliere i devoti di Santa Rita da Cascia, accompagnati dall’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo. Nel benedire la grande statua della Santa, invito tutti, nel prossimo Giubileo della Misericordia, a rileggere la sua straordinaria esperienza umana e spirituale come segno della potenza della misericordia di Dio”.

Con queste parole Papa Francesco ha salutato i devoti di Santa Rita presenti all’Udienza generale del 30 settembre in piazza S. Pietro provenienti dall’archidiocesi di Spoleto-Norcia. La “famiglia ritiana” è stata accompagnata da mons. Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia.

L’occasione di questo pellegrinaggio alla “Sede di Pietro” è stata la benedizione da parte del Papa di una grande statua di Santa Rita offerta da un generoso benefattore libanese, che verrà posizionata (il 18 ottobre prossimo) all’incrocio delle vie che conducono a Cascia e Roccaporena.

La statua era posizionata sul sagrato della Basilica Vaticana, al fianco della statua di S. Pietro, con lo “sguardo” rivolto ai fedeli adunati in piazza.

Il Libano da tempo ha una forte devozione a Santa Rita. Fautore e promotore nel popolo della “terra dei cedri” di questa devozione è stato l’ordine Maronita-Mariamita. Un devoto in particolare, il signor Sarkis Sarkis, ha offerto la grande statua in marmo della Santa, scolpita dal famoso artista libanese Nayef Alwan: è alta 6 metri ed ha una base di 2 metri; la mano destra dà il benvenuto ai pellegrini, accogliendoli con una rosa. Dalla mano sinistra si erge, ben visibile, la vite prodigiosa attorniata dai simboli della vita della Santa: le api, i fichi e l’uva. Chiara ed evidente è la Spina sulla fronte, segno di partecipazione alla passione di Cristo.

Oltre ai molti devoti, all’Udienza erano presenti anche diverse autorità civili, nazionali e del territorio dell’archidiocesi di Spoleto-Norcia: il sottosegretario al Ministero degli Interni on. Gianpiero Bocci, il sindaco di Cascia Gino Emili, i membri del neonato comitato “Cascia per Santa Rita” presieduto da Alfredo Cherubini, il sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli, di Scheggino Paola Agabiti, di S. Anatolia di Narco Tullio Fibraroli, di Vallo di Nera Agnese Benedetti e di Poggiodomo Egildo Spada.

Non sono mancati rappresentanti dell’Ordine Agostiniano: il padre generale Alejandro Moral Anton, il rettore della basilica di Cascia padre Mario De Santis, altri religiosi, una monaca agostiniana di Cascia, in rappresentanza della comunità claustrale che custodisce il corpo della Santa. È stato l’arcivescovo Boccardo ad illustrare al Papa il progetto della statua e a presentargli una ristrettissima delegazione della città di Cascia, della famiglia dell’offerente della statua e della famiglia dello scultore. “Il Pontefice – riferisce Boccardo – è rimasto impressionato dalle dimensioni e dalla bellezza della statua”.

 

AUTORE: Fabio Zavattaro