I cavalieri dell’ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme ambasciatori di pace

Tempo di lettura: 107 secondi

«La pace ha un “prezzo”, la pace esige la “conversione”, la “conversione” ci porta a perdonare per essere perdonati. Esige opere di “compassione” e di comprensione, di giustizia e di “misericordia”. Esige la “condivisione fraterna” dei beni della terra, la partecipazione comune alle conquiste dell’”intelletto umano”, la sollecitudine “gratuita” verso i deboli, l’impegno costante e concreto nella speranza e nel “dialogo”. La pace esige che ci riconosciamo uomini in mezzo agli altri uomini, uomini con gli uomini. Ognuno e tutti insieme a vivere nel rispetto delle esigenze personali di ognuno, uguali e “inalienabili” per ciascuno. Pregare per la pace vuol dire aprirci a ricevere la pace, dono di Dio agli uomini “amati” dal Signore. Allora la nostra preghiera si farà “grido” che sale a Dio, che conosce le nostre sofferenze e scenderà ancora a “liberarci”».

Nella loro preghiera i Cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme guardano alla Terra Santa ed invocano la benedizione celeste per essere convinti e sinceri ambasciatori di pace, per questo come da tradizione si ritroveranno a Perugia per la preghiera comunitaria presso il Centro Mater Gratiae di Montemorcino il 14 Ottobre, ore 9.

L’antico sodalizio nella Sezione Umbria, il cui preside è il comm. Wladimiro Tentoni e priore il cardinale Gualtiero Bassetti, conta oltre duecentocinquanta Cavalieri e Dame impegnati in un percorso spirituale e caritatevole orientato al sostegno dei fratelli cristiani che vivono in Terra Santa nei luoghi che hanno visto la nascita, morte e resurrezione di Gesù.

Nel corso della mattinata interverranno Andrea Maiarelli con una relazione sulle radici storiche dell’Ordine: “L’Arcipriorato di Gerusalemme dal 1187 a Santa Maria di Tiro e dal 1291 sino al 1429 nella sede di Perugia”, e padre Giulio Michelini, ofm, con una meditazione su “Maria madre di Gesù – Arca dell’alleanza”.

L’incontro annuale si concluderà con la l’Eucaristia celebrata da p. Giulio Michelini e mons. Giuseppe Chiaretti nella Cappella del Centro Mater Gratiae. Subito dopo seguirà la consegna dei Vessilli dell’Ordine ai nuovi Delegati di Terni ed Orvieto alla presenza del luogotenente per l’Italia centrale e appenninica Giuseppe Michele Marrani. La partecipazione è aperta alla cittadinanza.

S. Q. F.

LASCIA UN COMMENTO