Coltivare la Speranza per vincere la povertà

Tempo di lettura: 191 secondi

assistenza-caregiverScoprirsi più poveri e continuare a sperare. Ecco l’Italia del 2013 e che si affaccia al 2014. Ma non solo l’Italia come Nazione, ma gli italiani come popolo, e i cattolici con loro. E insieme con la Chiesa italiana, Chiesa di popolo nei territori e accanto alle donne e agli uomini di questo Paese. Scoprirsi poveri, per milioni e milioni di italiani che non hanno memoria della povertà, che hanno vissuto nella sensazione che mai lo sarebbero diventati, convinti com’erano che fosse appannaggio dei sud del mondo, è stato ed è un autentico choc collettivo.

Diciamo la verità: dallo choc non ci siamo ancora ripresi. Al punto che continuiamo a raccontare storie di persone che per dignità celano la loro nuova condizione di disagio sociale. Pensionati e anziani, ma non solo. Anche giovani, a cui le famiglie non riescono a garantire più nulla di quanto sino all’altro ieri era certo. È giusto parlare dell’altro ieri perché all’alba del settimo anno di recessione siamo qui a sperare che lo 0,1% di ripresa del Pil possa assestarsi e invertire anche il sentimento popolare. Si chiama fiducia, ma per ora è merce rara. Anzi, abbonda la rabbia che ha messo in moto i forconi e che oscilla fra ribellismo e populismo. Entrambi nefasti per un Paese ordinato e civile. La verità è che non ci siamo preparati culturalmente e spiritualmente alla povertà. Abbiamo anche sperperato, non solo le nostre ricchezze (pensate solo allo sciupìo irresponsabile di risorse pubbliche ad ogni livello territoriale), ma anche i nostri talenti. L’illusione del progresso illimitato (grande feticcio dell’Illuminismo) contraddetto dalla dura realtà.

Ora è il tempo della rivincita del principio di realtà, nel quale il realismo cristiano ha tanto da dire e da dare. In questo incredibile 2013, è venuto un uomo “preso quasi dalla fine del mondo” che dal primo giorno della sua missione ci parla della povertà non come dannazione dell’umanità, ma come una sorella con la quale abituarsi a convivere perché “i poveri saranno sempre con noi”, ma aspettando da noi una parola di speranza. Quella di cui tutti abbiamo bisogno se vogliamo trovare dentro di noi le ragioni per garantire un futuro a noi stessi, alle nostre famiglie, alle nostre comunità e al nostro Paese. Papa Francesco non ha mai seminato facili illusioni. In questi mesi ha spalancato ancor più le porte della Chiesa, ma ha costruito la sua pedagogia dell’accoglienza e della misericordia sulla speranza della Salvezza portata da un Uomo di nome Gesù. Quanto scalpore hanno fatto alcune sue espressioni che ci introducevano alla consapevolezza della povertà: “nel sudario non ci sono tasche” o “la morte di un uomo non è una notizia, ma se si abbassano di dieci punti le borse è una tragedia!”. È la sua personale pedagogia (lui che ha scelto di vivere a pensione, invece che nell’appartamento papale) per la presa di distanza dalle cose in nome di una sobrietà e di una destinazione universale dei beni che la globalizzazione (soprattutto finanziaria) ha reso sempre più ardue. I cattolici italiani hanno capito bene la lezione.

In ogni angolo d’Italia le nostre comunità hanno dato nuovo slancio all’aiuto verso i vecchi e nuovi poveri. Molti Pastori hanno rivoluzionato le priorità delle loro chiese locali. Le emergenze sono tante, ma nessuno si è tirato indietro. Comunque bisogna fare e dare. Più pacchi viveri proprio mentre l’Europa taglia i suoi finanziamenti per gli acquisti di derrate alimentari da destinare ai poveri. Pazienza, dicono i nostri parroci durante le omelie, in qualche modo faremo. E chiedono aiuto alle famiglie che possono dare qualcosa. È il modo dei cattolici di non arrendersi alla povertà e di dividere quello che si ha. Storie analoghe vengono anche da altri Paesi europei dove la povertà morde. Ovunque i cattolici non si tirano indietro. Cosa li muove? La Speranza, solo la Speranza.

AUTORE: Domenico Delle Foglie