Ddl Zan, dialogo non pregiudiziale

Mauro Ungaro *

L’intervista rilasciata dal card. Bassetti all’edizione di venerdì 9 luglio di Repubblica offre un riferimento preciso a quanti hanno un vero interesse verso le tematiche affrontate dal ddl Zan. Lo fa rimettendo al centro del dibattito non la sterile polemica alimentata da motivi ideologici, interessi elettorali o necessità di visibilità social, ma la ricerca della strada più proficua per assicurare la tutela della persona. E per ogni credente questa tutela assume un significato ancora più preciso e impegnativo, sapendo che l’altro custodisce in sé l’impronta della creazione di Dio.

Le proposte di modifica della Cei un aiuto al legislatore

Le proposte di modifica al testo all’esame del Parlamento – avanzate in questi mesi dalla stessa Conferenza episcopale italiana, da voci che sono espressione del mondo di ispirazione cattolica, ma anche da realtà con sensibilità diverse del nostro Paese – non rappresentano una astorica pretesa di privilegi confessionali. Intendono, piuttosto, fornire al legislatore un aiuto concreto perché le giuste finalità della normativa procedano di pari passo con la tutela dell’espressione etica e religiosa assicurata dalla Carta costituzionale a ogni italiano.

Nella nota della Santa Sede il richiamo al rispetto del Concordato

Lo stesso richiamo espresso dalla Santa Sede nella sua Nota verbale delle scorse settimane sollecitava il rispetto di un testo quale il Concordato, la cui tutela costituzionale è garanzia non per i soli cattolici ma per tutti i cittadini. Il Presidente dei vescovi italiani lo ribadisce con forza nelle riflessioni che ha affidato alle pagine del quotidiano romano: “Dobbiamo impegnarci per fa sì che la nostra voce, la voce di tutti i cristiani, sia percepita in modo chiaro nella società odierna. Ci sono valori umano-universali che il cristianesimo porta con sé e che dobbiamo sempre più saper mettere in campo a servizio del bene comune”. Una mano tesa alla politica secondo quella consolidata tradizione che ha visto il mondo cattolico offrire un apporto fondamentale alla scrittura delle regole per la vita del nostro Paese garantendone la tenuta democratica dalla fine della Seconda guerra mondiale a oggi.

Accoglienza, dialogo aperto e non pregiudiziale

“Accoglienza, dialogo aperto e non pregiudiziale” sono i punti fondamentali di un rapporto auspicato, sollecitato ma non imposto alla luce della traccia indicata da Papa Francesco durante il suo intervento al Convegno ecclesiale di Firenze: “Questo nostro tempo richiede di vivere i problemi come sfide e non come ostacoli: il Signore è attivo e opera nel mondo. Voi, dunque, uscite per le strade e andate ai crocicchi; tutti quelli che troverete, chiamateli, nessuno escluso”.

* presidente Federazione italiana settimanali cattolici

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO