Festa dello sviluppo sostenibile

Organizzata dalle Acli per il territorio dei Sei castelli

Tempo di lettura: 117 secondi

È stata, come da qualche anno, una grande festa che non finisce lì. Una “festa di senso”, una “festa col botto”, come si dice nel Tuderte, anche se i fuochi artificiali mancavano. Una festa diversa, coerente con lo spirito delle Acli che la promuovono e la sostengono: “Pensare globale ed agire locale”, con la condivisione di istituzioni, enti ed associazioni di categoria. Qui, nel territorio dei sei Castelli – Collevalenza, Chioano, Ficareto, Monticello, Rosceto, Torrececcona – in questi ultimi anni è diventato permanente l’approfondimento del passato, l’analisi del presente e la progettazione del futuro. Il “botto della festa” è avvenuto nel bel mezzo della serata del venerdì 2 settembre. Un botto che sollecita immaginazione, fantasia, cultura, speranza per un futuro segnato dallo sviluppo sostenibile cioè solidale con tutti gli uomini ed il creato che ci ospita. Questa la filosofia, la strada maestra per generare idee, azioni e servizi capaci di rendere la vita delle presenti e future generazioni, meritevole di essere vissuta. Così, in una serata segnata da note e canti del tenore-chitarrista Paolo Macedonio, che si è prodotto in un repertorio dedicato ai 150 anni dell’Italia, il prof. Angelo Frascarelli, docente di Economia e politica agraria all’Università degli studi di Perugia, ha presentato i contenuti di un protocollo d’intesa tra l’ateneo e l’istituto d’istruzione superiore “Ciuffelli – Einaudi” di Todi per realizzare una ricerca di marketing territoriale in un’area che insiste nel circondario dei sei Castelli. “Il dipartimento di Scienze economico-estimative e degli alimenti della facoltà di Agraria dell’Unipg – ha detto il prof. Frascarelli – ha già impostato il lavoro di ricerca con la collaborazione della tesista dott. Cecilia Baccarelli ed ha invitato professori e studenti dell’istituto superiore Ciuffelli-Einaudi a collaborare con particolare riferimento alle indagini e alla diagnosi territoriale”. Il prof. Marcello Rinaldi, dirigente scolastico dell’istituto “Ciuffelli-Einaudi”, ha così espresso il gradimento: “Professori e studenti, siamo impegnati a collaborare a questa attività di ricerca che riguarda l’indagine e la diagnosi territoriale per la redazione di un Piano di marketing che coinvolgerà tutte le risorse del territorio: agricoltura, artigianato, ambiente, risorse storico-culturali, commercio, turismo e patrimonio architettonico”. Questo aiuterà a far prendere coscienza dell’importanza del “conoscere, conoscersi e farsi conoscere”. E tanto altro si potrà fare condividendo il pensiero positivo che il miglior bene di ciascuno si coltiva e si raccoglie dal campo del bene comune”.

AUTORE: An. Co. - S. Fil.