Giovani umbri a Girona in attesa della Gmg

La località è magnifica e l’accoglienza molto calorosa. Si scopre però che anche la cattolica Spagna ha bisogno di nuova evangelizzazione

Una bella accoglienza e una città incantevole. Non possiamo non esprimere queste sensazioni dopo la nostra visita alla diocesi di Girona. La delegazione regionale della Pastorale giovanile si è recata dal 7 al 10 febbraio in visita in Spagna a Girona, per stringere il gemellaggio che porterà i giovani umbri in questa località, prima di giungere a Madrid per la Giornata mondiale della gioventù. Girona si trova in Catalogna, regione autonoma con una lingua diversa dallo spagnolo: abbiamo compreso molto bene che, più che spagnoli, si sentono catalani. Girona è una città bellissima fondata dai romani, da loro chiamata Gerunda. È sede vescovile dai primi secoli del cristianesimo, sant Feliu (san Felice), loro primo santo, ha subito il martirio nel III secolo. La diocesi ha quasi 900 mila abitanti, e sono guidati dal simpatico vescovo Francesco Pardo Artigas. La città, con 100 mila abitanti, è un importante centro universitario. Possiede molti monumenti, come la bella cattedrale, e altri luoghi magnifici e dista pochi chilometri da Barcellona. Ci aspettano, vogliono stringere con noi un’amicizia profonda nella fede. Sperano tanto che le giornate mondiali portino un risveglio spirituale alle nuove generazioni. La secolarizzazione ha colpito anche questi luoghi cattolicissimi. L’accoglienza, come ho detto, è stata calorosa: padre Jordi, giovane sacerdote responsabile della Pastorale giovanile, con la sua équipe aveva organizzato tutto con una precisione che noi definiremo teutonica; anche degli ottimi incontri conviviali, cosa che noi umbri abbiamo molto gradito. Siamo rimasti sorpresi, a causa della nostra ignoranza, dalla bellezza dei monumenti e della natura. Essendo così vicina a Barcellona, con un grande aeroporto, si pensava a una città di periferia con tanti palazzoni anonimi e senza identità. Invece è tutto il contrario. Anche i loro santi sono molto simpatici. Sant Narcìs (san Narcisio), proveniente dalla città tedesca di Augusta – forse questo è il motivo della loro precisione – ha usato le fastidiose mosche per cacciare i francesi invasori, nel giugno del 1285; quando profanarono il suo sepolcro, dovettero fuggire inseguiti da migliaia di questi insetti, lasciando libera la città. Infatti, il santo è rappresentato con delle mosche che gli ronzano intorno. Ci aspettano, non possiamo deluderli, sicuramente vivremo un bel gemellaggio prima di giungere a Madrid. Nelle belle chiese di Girona e con le suore di San Giuseppe, dove abbiamo alloggiato, abbiamo pregato il Signore perché questa Giornata mondiale sia un grande risveglio della fede per noi e per la Chiesa di Girona e di tutta la Spagna. Abbiamo promesso di portare almeno mille giovani dall’Umbria! Forza con le iscrizioni, i fratelli e le sorelle catalani sono in attesa, non possiamo deluderli. Don Marcello Cruciani responsabile regionalePastorale giovanileIL CALENDARIO DEGLI UMBRI AGOSTO 2011GIOVEDÌ 11 partenza dalle rispettive diocesi umbre alle ore 24. VENERDÌ 12 nel pomeriggio arrivo a Girona, accoglienza e sistemazione. Ore 21 preghiera in cattedrale con il vescovo mons. Francesco Pardo. SABATO 13 giornata a Barcellona. Celebrazione con tutti i giovani presenti in Catalogna. Visita alla città. DOMENICA 14 giornata nella diocesi di Girona, con incontri, visite e gemellaggi. Ore 21 preghiera in cattedrale con il vescovo mons. Francesco Pardo. LUNEDÌ 15 ore 8.30 messa e partenza per Madrid. Durante il viaggio visita al monastero di Monserrat. In serata arrivo a Madrid e sistemazione. MARTEDÌ 16 Madrid, nel pomeriggio celebrazione di apertura della 26a Giornata mondiale della gioventù. Sera festival della gioventù con concerti, mostre…MERCOLEDÌ 17 Madrid, alla mattina catechesi dei Vescovi per gruppi linguistici. Alla sera, Festival della gioventù. GIOVEDÌ 18, Madrid, nella mattina catechesi dei Vescovi. Pomeriggio, alle ore 16 cerimonia di benvenuto a Papa Benedetto XVI. Sera, Festival della gioventù. VENERDÌ 19 Madrid, al mattino catechesi dei Vescovi. Pomeriggio, Festival della gioventù. Sera, Via crucis, con le famose immagini della Passione provenienti da varie regioni spagnole. SABATO 20 Madrid, al pomeriggio trasferimento all’aeroporto militare “Cuatro Vientos” dove si svolgerà l’incontro con il Papa. Sera, veglia di preghiera con il Santo Padre. Notte all’aeroporto “Cuatro Vientos”.DOMENICA 21 Madrid, alla mattina celebrazione eucaristica con il Papa. Pomeriggio ritorno al luogo dell’alloggio. LUNEDÌ 22 al mattino, partenza per Lourdes. Serata a Lourdes. MARTEDÌ 23 mattinata a Lourdes. Pomeriggio partenza per l’Italia. MERCOLEDÌ 24 arrivo in Umbria.