Grest 2019 a Ponte d’Oddi. Le testimonianze di animatori ed educatori

Tempo di lettura: 104 secondi

Celeste, Simone e Costanza, animatori

La nostra esperienza con il Grest è iniziata quando eravamo piccoli. Quando eravamo noi i bambini da animare, vedevamo nei nostri animatori un punto di riferimento; loro ci regalavano tante emozioni e tanto divertimento ed è per questo che una volta diventati grandi, abbiamo deciso d’intraprendere il percorso “dall’altra parte”, e quindi di diventare animatori!

Quest’anno il tema è stato L’Isola che c’è, e come ogni anno ci ha permesso di scoprire qualche cosa di noi che davamo per scontato. Fin da quando eravamo piccoli ci hanno insegnato a non smettere mai di sognare ed è stata proprio questa la base sulla quale abbiamo incentrato il nostro rapporto con i bambini.

Ma il grest non è solo emozioni e divertimento: ci ha dato l’opportunità di fare gruppo tra di noi, di conoscerci, di imparare a prendere decisioni insieme e di condividere quello che accadeva quotidianamente con i bambini! Alla fine di questa bellissima esperienza ci siamo resi conto che anche se noi eravamo partiti con la convinzione di “dare” molto a questi bambini, in realtà siamo stati noi a ricevere davvero tanto da tutti loro.

Glenda, coordinatrice

Che dire? Non è semplice descrivere il Grest in poche righe. È un concentrato di emozioni e di relazioni. Nonostante nella nostra parrocchia il Grest abbia oramai una lunga storia di vita (questo è stato il tredicesimo grest svolto), come ogni anno è stata un’occasione unica, che ha coinvolto tutta la parrocchia.

Durante le ultime tre settimane di giugno il parco del quartiere si è colorato di rosso, di blu e di giallo e tutti gli abitanti hanno potuto osservare – chi da vicino, e chi da lontano – la bellezza di questi bambini che guidati dai loro animatori, rallegravano le mattinate. Tanti sono stati gli animatori che hanno deciso di regalare il proprio tempo per la gioia dei più piccoli che anche quest’anno sono stati davvero tanti.

Vari sono stati gli adulti che in diversi modi hanno collaborato alla realizzazione di queste settimane che hanno portato nel nostro quartiere una bellissima testimonianza di chiesa viva, di chiesa giovane.   

Glenda  Grasselli

LASCIA UN COMMENTO