Il nome della Piovra

CRIMINALITÈ. Quant'è forte in Umbria quella organizzata?

Tempo di lettura: 107 secondi

Un direttore di banca, un tecnico, un commercialista sono stati coinvolti nell’indagine antimafia che ha scosso l’Umbria. Le tre professioni sono state citate ‘ al di là delle effettive responsabilità di ognuno ‘ proprio perché si sta delineando un quadro forse più allarmante di quanto si vuol far credere. La presenza di un nucleo forte delle cosche criminali calabresi e campane in Umbria ha fatto scoprire come la ‘piovra’ non appartenga alla fiction televisiva ma si sia allargata anche nella nostra regione. Le indagini degli investigatori su tante operazioni bancarie compiute ha fatto salire la tensione, ma anche la preoccupazione per capire quanto ‘denaro sporco’ sia stato riciclato nella nostra regione in attività considerate ‘pulite’. I vari contatti avuti tra gli esponenti più in vista della cosca, messa in ginocchio dall’operazione Neos dei carabinieri dei Ros con una sessantina di arresti, e i diversi professionisti implicati sono all’esame degli inquirenti. In questa fase molte voci si susseguono, con presunti pentimenti di persone arrestate ‘ smentiti dalla Procura – ma il clima è un po’ pesante. Perché questa inchiesta potrebbe spiegare nel dettaglio le fortune improvvise di alcuni imprenditori edili che, in pochissimo tempo, quasi dal nulla, sono diventate potenze economiche. Il sisma del ’97 ha attirato molte imprese, diverse delle quali provenienti da altre regioni. Ma non si sono mai verificati episodi che possano aver destato la preoccupazione per le infiltrazioni criminali. La piovra si sarebbe sviluppata in Umbria soprattutto attraverso il traffico di droga e il susseguente investimento in attività cosiddette lecite. Ma in questi giorni gli inquirenti vogliono capire, come detto, tutti i collegamenti con i professionisti umbri, che potrebbero essere stati avvicinati dagli esponenti delle cosche per valutare la possibilità di entrare più compiutamente nel settore degli appalti, tradizionale filone di interesse della malavita. L’unico esempio citato dall’inchiesta è un progetto per alcune villette nei pressi di Norcia. Nelle intercettazioni si fa infatti riferimento ad alcuni appalti in Calabria. Ma la ‘ndrangheta ‘ presentata recentemente come sorta di Al Qaeda ‘ era pronta ad approdare in Umbria in forza e con grandi disponibilità economiche per investire. E nei prossimi giorni si annunciano novità di grande rilievo nell’inchiesta.

AUTORE: E. Q.