Il Papa vigilerà sullo Ior

Francesco ha creato una Commissione - composta da due cardinali, due monsignori, una grande esperta - per raccogliere dati in vista di una riforma del controverso istituto bancario vaticano

Tempo di lettura: 164 secondi

papa-francesco-salutoDue cardinali, un vescovo esperto di questioni giuridiche, un prelato della Segreteria di Stato e una donna esperta di questioni sociali nonché presidente di un’Accademia pontificia: sono i cinque autorevoli membri della Pontificia commissione referente sull’Istituto per le opere di religione (Ior), istituita il 26 giugno da Papa Francesco. L’obiettivo: “Conoscere meglio la posizione giuridica e le attività dell’Istituto per consentire una migliore armonizzazione del medesimo con la missione della Chiesa universale e della Sede apostolica, nel contesto più generale delle riforme che sia opportuno realizzare”. La Commissione è composta dal card. Raffaele Farina (presidente), dal card. Jean-Louis Pierr Tauran, da mons. Juan Ignacio Arrieta Ochoa de Chinchetru (coordinatore), da mons. Peter Bryan Wells (segretario) e dalla prof.ssa Mary Ann Glendon. Papa Francesco, ha detto padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa della Santa Sede, rispondendo alle domande dei giornalisti, visto il “dibattito recente” sullo Ior, intende “raccogliere opinioni competenti perché intende consultarsi prima di prendere delle decisioni”. Non si tratta, dunque, di un commissariamento, perché la neonata Commissione “non interviene nella vita dell’Istituto”, che continuerà a svolgere le sue normali attività, ma ha il compito di “studiare e riferire al Santo Padre, in vista di riforme utili per le istituzioni che servono la sede apostolica”. Quello della Commissione, ha aggiunto padre Lombardi, è “uno sguardo ad ampio raggio, che non si pone limiti particolari” e mira alla “raccolta di elementi in vista di possibili decisioni del Santo Padre”. All’art. 3 del documento è previsto che la Commissione, “qualora sia utile”, si avvalga “di collaboratori e consulenti”. La Commissione ha inoltre il compito di stendere un rapporto conclusivo sulla propria attività, dopo il quale – ha reso noto il portavoce vaticano – è previsto che si sciolga.

Da Wojtyla a Bergoglio

Con un chirografo del 1° marzo 1990, Giovanni Paolo II eresse con personalità giuridica pubblica lo Ior, dando una nuova configurazione all’Istituto e conservandone il nome e la finalità. Tre gli obiettivi del chirografo di Papa Francesco, nella medesima prospettiva: “Adeguare meglio le strutture e le attività” dello Ior “alle esigenze dei tempi”; “consentire ai principi del Vangelo di permeare anche le attività di natura economica e finanziaria”, seguendo l’invito di Benedetto XVI; “introdurre riforme”, dopo aver sentito il parere di diversi cardinali, vescovi e collaboratori. La Commissione è composta “da un minimo di 5 membri tra cui un presidente che ne è il rappresentante legale, un coordinatore che ha poteri ordinari di delegato e agisce nel nome e per conto della Commissione nella raccolta di documenti, dati e informazioni necessari, nonché un segretario che coadiuva i membri e custodisce gli atti”. I compiti della Commissione sono di raccogliere “documenti, dati e informazioni necessari allo svolgimento delle proprie funzioni istituzionali”. Non c’è vincolo di segreto d’ufficio, perché “il segreto d’ufficio e le altre eventuali restrizioni stabiliti dall’ordinamento giuridico non inibiscono o limitano l’accesso della Commissione a documenti, dati e informazioni, fatte salve le norme che tutelano l’autonomia e l’indipendenza delle autorità che svolgono attività di vigilanza e regolamentazione dell’Istituto, le quali rimangono in vigore”. Il nuovo organo dello Ior terrà informato il Papa “delle proprie attività nel corso dei suoi lavori” e consegnerà direttamente al Papa “gli esiti del proprio lavoro, nonché l’intero suo archivio, in modo tempestivo alla conclusione dei lavori”.