La legge italiana consente di cambiare “genere” fin dal 1982

Può piacere o meno, ma sta di fatto che la legislazione italiana dal 1982 permette, a chi ne sente il bisogno, di cambiare sesso; o, come si preferisce dire ora, di cambiare la propria identità di genere. Con o senza interventi chirurgici e trattamenti ormonali, a discrezione della persona interessata.

Originariamente il testo della legge del 1982 veniva inteso nel senso che il cambiamento agli effetti legali fosse consentito solo a seguito di una trasformazione chirurgica; ma più tardi i giudici, compresa la Cassazione, hanno stabilito che non si può obbligare nessuno a sottoporsi a certi trattamenti e che quindi chi lo vuole può cambiare legalmente sesso anche rimanendo come lo ha fatto la sua mamma. Regole simili valgono in parecchi altri paesi, in Europa e fuori.

Disegno di legge Zan: davvero necessario?

In questo senso il disegno di legge Zan non aggiunge nulla. Esso ha invece lo scopo dichiarato di colpire sul piano penale l’incitamento all’odio e alla violenza contro chi appartiene a gruppi minoritari, comprese le persone omosessuali e transessuali o transgender.

Si può discutere se una legge così sia davvero necessaria; questi comportamenti in realtà sono già punibili con le leggi che ci sono, e semmai si tratta di farle funzionare veramente; ma questo è un problema che riguarda tutte le leggi in generale e non si risolve aggravando le pene.

Forse l’obiettivo è altro …

Chi chiede la nuova legge vuole forse altro – così almeno dicono gli avversari – e cioè che diventi verità di Stato una determinata visione dell’essere umano, che relativizza la distinzione fra uomo e donna o addirittura la rende insignificante. Tesi di questo tipo sono legittime e sostenibili ma renderle obbligatorie per legge è un’altra faccenda.

La legge può e deve esigere che vi sia parità di diritti per tutti; e che ogni persona sia rispettata nella sua specificità e nella sua individualità; ma non può entrare più di tanto nei campi propri dell’etica, della filosofia, della religione.

No a battaglie antistoriche

Ma non si possono nemmeno combattere battaglie antistoriche contro presunte novità che invece tali non sono, mentre risalgono all’epoca in cui in Italia governava la Dc.

LASCIA UN COMMENTO