La Misericordia: laboratorio pastorale

La chiesa rinasce grazie a due preti di Avellino

Tempo di lettura: 101 secondi

Torna a rivivere la chiesa della Misericordia, riprendendo quel ruolo di centro di aggregazione e formazione svolto tradizionalmente fino a non molti anni fa. La riapertura avrà luogo sabato 23 settembre alle ore 18, con una solenne celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo mons. Mario Ceccobelli. La cerimonia coincide con l’inizio delle attività del ‘Centro della Misericordia’, grazie alla presenza di due sacerdoti, don Gaetano D’Avella e don Michele Ciccarelli, provenienti dalla diocesi di Avellino, che così si presentano: ‘Siamo giunti qui dopo un lungo periodo di discernimento che ha sempre fatto capo al vescovo Mario Ceccobelli, fin da quando era vicario generale a Perugia. Intendiamo essere, in prospettiva, una piccola comunità-segno di consacrati pluriministeriale. Una comunità, per sua natura, di animazione vocazionale, il cui primo obiettivo vuole essere quello di suscitare una ministerialità più consapevole e diffusa all’interno delle chiese particolari. Una piccola oasi nel cuore della città, un centro permanente di accoglienza e di ascolto, di accompagnamento e discernimento spirituale. La Comunità-Segno, nel quadro di riferimento unitario delle scelte pastorali diocesane, intende far sue le indicazioni del Vescovo, che è custode, correttore e protettore della fraternità. A partire dalla fine di settembre la ‘Misericordia” sarà aperta a tutti con la preghiera liturgica, la Lectio divina, la celebrazione dell’eucaristia nei giorni feriali. Ci auguriamo che possa diventare nel tempo un vero e proprio laboratorio pastorale: il luogo dell’ascolto di Dio e dell’uomo, del silenzio donato a chi cerca le vie del Signore: il luogo dell’esperienza pasquale da cui ripartire lanciati con cuore più ardente per le vie del mondo. L’azione apostolica potrà dare un contributo specifico alla formazione di un laicato adulto nella fede. Catechisti e operatori pastorali potranno avvalersi, se lo vorranno, del nostro centro di formazione permanente, secondo le richieste eventuali delle parrocchie e delle zone pastorali. Nel ringraziare tutti per l’attenzione fraterna, affidiamo la missione che andiamo ad intraprendere alla materna protezione della Vergine Maria e all’intercessione dei santi Ubaldo e Giovanni da Lodi’.

AUTORE: G. B.