La salvezza passa dagli ultimi

ALLA SCUOLA della Parola, a Collevalenza, un gradito ritorno:

Tempo di lettura: 117 secondi

Riprendono per il 2007 gli appuntamenti mensili della Scuola della Parola che si tengono presso il santuario dell’Amore Misericordioso di Collevalenza. Anche sabato 13 gennaio sono state moltissime le persone che hanno preso parte all’adorazione eucaristica guidata dal Vescovo, da alcuni sacerdoti e con la presenza dei padri Missionari di Madre Teresa, che sono stati poi gli ospiti che hanno animato la seconda parte dell’incontro. Si conferma la presenza sempre numerosa, a questi incontri diocesani legati al tema della vita nello Spirito, secondo le indicazioni pastorali diocesane, di giovani e adulti della zona tuderte e delle parrocchie limitrofe, ma anche di molte altre persone provenienti da diverse U.P., per le quali la Scuola della Parola sta diventando un appuntamento di riferimento, in cui si accosta al momento imprescindibile della preghiera anche quello dell’incontro con i testimoni, ogni volta diversi. In questa occasione la Scuola della Parola ha visto il gradito ritorno, dopo tre anni, dei padri Missionari di Madre Teresa di Calcutta, che avevamo incontrato proprio in concomitanza con l’evento della beatificazione della Madre, al quale anche dalla nostra diocesi avevano partecipato oltre 150 persone. Un legame particolare, che ha permesso allora di conoscere da vicino la figura di Madre Teresa, oltre che l’esperienza di apostolato dei fratelli e dei padri Missionari che operano in ogni parte del mondo. Padre Vittorio, maltese di origine e da oltre vent’anni nella congregazione, di recente tornato dal Messico, ha riproposto ai presenti la spiritualità di Madre Teresa, cioè la chiamata a realizzare la salvezza delle anime attraverso la carità che si concretizza nel servizio agli ultimi e ai bisognosi e nella testimonianza di Cristo a tutti gli uomini. Ciò è emerso anche dalle parole e dai racconti di vita di padre Filippo Emanuele della comunità francese di San Giovanni Evangelista e di fratel Ivo, giovane africano, diacono da un mese, e di padre Vittorio che ha conosciuto personalmente Madre Teresa in India. Essi ci hanno ricordato come il valore della preghiera e della carità operosa, tra loro intimamente collegate, così che la carità senza preghiera diventa una mera opera sociale. E, come ha ricordato il Vescovo con le parole di sant’Agostino, ‘il criterio di una virtù è quando nasce da Dio’. A conclusione dell’incontro è stato dato appuntamento alla prossima Scuola, che si terrà sabato 10 febbraio, sempre a Collevalenza.

AUTORE: Francesca Carnevalini