La via dei sacramenti dell’iniziazione

Insediato il nuovo Consiglio pastorale diocesano. Il 22 ottobre si svolgerà l’Assemblea diocesana

Tempo di lettura: 154 secondi

Sabato 24 settembre, alle ore 10, nella casa diocesana di Spagliagrano di Todi, mons. Giovanni Marra, amministratore apostolico della diocesi di Orvieto-Todi, ha insediato il nuovo Consiglio pastorale diocesano, organismo collegiale di cui sono vice presidenti don Mario Venturi e la prof. Giuseppina Bruscolotti, segretaria M. Caterina Leonardi. Il Consiglio pastorale è uno degli organismi più rappresentativi della diocesi perché preposto alla programmazione pastorale; di esso fanno parte sacerdoti, religiosi e laici. L’Arcivescovo, in comunione con la Chiesa italiana, ha proposto “Educare le nuove generazioni alla vita buona del Vangelo, a partire dai sacramenti della iniziazione cristiana” come tema per la pastorale diocesana di Orvieto-Todi il cui progetto sarà presentato all’Assemblea diocesana per l’apertura del nuovo anno pastorale 2011 – 2012 in programma il 22 ottobre presso la struttura di accoglienza del santuario dell’Amore Misericordioso di Collevalenza. In particolare l’Arcivescovo ha messo in evidenza che, da sempre, la prima educazione nella Chiesa è la iniziazione ai sacramenti. Il primo approccio alla Chiesa, infatti, è l’occasione preziosa per una azione di educazione e di formazione. Il Battesimo – ha detto Marra – è sacramento d’ingresso alla vita cristiana e agli altri sacramenti. Si comincia con il battesimo che i genitori chiedono ma – ha soggiunto – l’azione pastorale deve continuare con la famiglia. Parlando, poi, dell’eucaristia ha ricordato come questo sia il “sacramento dei sacramenti” con il quale si realizza l’intima comunione con Cristo. Per la nostra diocesi – ha sottolineato – questo sacramento assume un significato tutto particolare per la presenza ad Orvieto delle reliquie del Miracolo eucaristico, come molto opportunamente mons. Giovanni Scanavino ebbe a mettere in risalto lo scorso anno con la sua lettera pastorale. “Rilanciare” le conclusioni del Sinodo diocesano è stata, successivamente, la parola-chiave del discorso di mons. Marra. Nel corso dell’articolata relazione al neo Consiglio, il presule ha poi sottolineato come il progetto, alla luce delle conclusioni del Sinodo diocesano presieduto dal compianto mons. Decio Lucio Grandoni, farà economia anche delle problematiche pastorali emerse anche nel corso degli incontri con i sacerdoti delle nove Vicarie e della riunione della Consulta delle aggregazioni laicali. Il Consiglio pastorale diocesanoDiamo di seguito i nomi dei componenti del Consiglio pastorale diocesano: mons. Giovanni Marra, arcivescovo, amministratore apostolico; mons. Carlo Franzoni vicario generale; vicari episcopali: mons. Antonio Cardarelli (per la cultura e la formazione permanente), mons. Italo Mattia (catechesi e scuola), mons. Marco Nunzi (problemi giuridici), don Francesco Valentini (beni culturali), don Marcello Sargeni (laici e famiglia), don Mario Venturi (clero) vice presidente del Consiglio pastorale, don Zeffiro Tordi (carità), p. Sergio Prina Cerai (vita consacrata e liturgia); diacono S. Gambelli, segretario comunità diaconale; p. A. Del Prado f.a.m., segretario diocesano Cism; sr. A. Angelaccio s.d.a. segretaria diocesana Usmi; P. Germini responsabile Consulta laici; laici delle Vicarie: F. Sciucchini, M. C. Leonardi segretaria del Consiglio pastorale, M. G. Gigli, F. Boschi, G. Morichetti, C. Marcucci, R. De Maria, S. Graziani, M. Agostinelli, E. Bagnoli, E. Romano, R. Cannata, G. Capodicasa, G. Bruscolotti vice presidente del Consiglio pastorale, O. Mencarelli, D. Ferri, S. Cecchini, M. Marcelli; nominati dal Vescovo: M. Stella, F. Della Fina, L. Carandente.

AUTORE: Antonio Colasanto