L’Ac diocesana festeggia 100 anni

Gli eventi in calendario per l’importante ricorrenza

Tempo di lettura: 237 secondi

gruppo-Azione-CattolicaL’Azione cattolica di Perugia – Città della Pieve compie quest’anno 100 anni di presenza nella Chiesa e nella città, al servizio della formazione umana e spirituale di bambini, giovanissimi, giovani e adulti.

Il desiderio di mettersi al servizio della Chiesa e della società civile si basa su una scelta missionaria che sempre più chiama a essere testimoni credibili, laici che portino fermento buono, vivendo – come ha sottolineato il card. Bassetti nella lettera di invito per la festa del centenario – “lo straordinario di Cristo nell’ordinario della vita quotidiana”.

Questa ricorrenza sottolinea come, nonostante le fatiche personali e socio-culturali che hanno contraddistinto questo lunga storia, c’è stata una presenza costante che ha accompagnato ciascuno offrendogli uno stile con cui vivere la propria vita ecclesiale, e donandogli una famiglia dal respiro ampio, regionale e nazionale, che potesse esprimere l’unità e la pienezza della Chiesa.

La festa dei 100 anni

Proprio per questo il Consiglio diocesano di Ac ha pensato a numerose iniziative che, in diversi modi, facciano festa e memoria della propria storia e aprano alla città e al futuro. Prima fra tutte la grande Festa diocesana del 2 giugno che si svolgerà nel centro storico di Perugia. Vuole essere un momento di festa, condivisione e riflessione su e con tutti i cittadini, tutte le associazioni e movimenti ecclesiali, e naturalmente tutti gli aderenti: bambini, giovanissimi, giovani e adulti.

In questi anni la vita associativa è stata tessuta da tanti volti, relazioni, parole, sorrisi, tempo dedicato alla formazione, e tanti sono coloro che hanno incrociato nella propria storia l’Ac; e forse, anche grazie a essa, hanno maturato scelte di vita e di fede o hanno stretto legami che il tempo non può cancellare.

Incontri in parrocchia

Proprio per ritessere questi legami, fare memoria di una storia fatta di storie, in questo mese di maggio si stanno svolgendo, nelle realtà parrocchiali in cui è presente l’associazione, varie mostre che raccolgono, accanto a pannelli espositivi che raccontano cosa è l’Ac, foto, gadget, magliette, coppe di tornei diocesani, vecchie tessere, antichi libretti per la formazione e la preghiera personale, e tanti altri oggetti e ricordi che dicono un senso forte d’appartenenza a una famiglia e alla Chiesa locale di cui è espressione.

L’Ac in mostra

Questi semplici e piccoli momenti hanno permesso e spronato le realtà parrocchiali a raccontarsi, a ricercarsi, a fare unità ed essere segno di presenza e di condivisione nelle proprie comunità. Segno di presenza e d’impegno che vogliamo si allarghi alla città, non solo attraverso l’allestimento di una mostra diocesana che racconterà la presenza dell’Ac in città lungo il corso degli anni, ma con workshop tematici che caratterizzeranno la festa del 2 giugno, sia la mattina che il pomeriggio. Anche il flash mob di “abbraccio alla città”, che ci sarà nel pomeriggio, è un gesto simbolico per sottolineare l’impegno di tutti per un bene che è comune.

La Festa dei ragazzi

Parallelamente a questa iniziativa l’Azione cattolica dei ragazzi (Acr) proporrà, a tutti i bambini e ragazzi della nostra realtà territoriale ed ecclesiale, una giornata di giochi, musica e festa per rendere protagonisti di questa storia anche i più piccoli, secondo il carisma dell’associazione.

La giornata è frutto della collaborazione con il Csi, a sottolineare come le tappe importanti della storia di ciascuno sono momenti importanti per la vita di tutti perché segno di ricchezza, di possibilità di reciproca conoscenza e confronto e di unità nella preghiera, come richiesto dall’Arcivescovo.

Comunione di preghiera

La stessa preghiera che, in quest’ultima settimana, ha visto tutta l’associazione diocesana stringersi attorno a una comunità parrocchiale, ai giovanissimi, ai giovani e alle famiglie, per la perdita prematura di un suo giovane aderente di 18 anni, morto in un incidente stradale. L’Azione cattolica in 100 anni di storia ha gioito e pianto insieme a tanti volti, in tante storie, ed è stata presenza, si è fatta preghiera.

La voglia, il desiderio e la necessità di fare festa prendono forza dal credere che oggi in Cielo è festa per un altro dei nostri aderenti, e che “la festa – come diceva una vecchia canzone – siamo noi”. Per cui vi aspettiamo tutti!

I laboratori del 2 giugno

Nella giornata del 2 giugno l’Azione cattolica propone anche dei “laboratori” nei quali si esplicita l’attenzione alle “realtà temporali” che caratterizzano l’impegno laicale. Sono momenti di formazione predisposti per fasce d’età e con tematiche differenti, che tratteranno temi urgenti nel panorama sociale di oggi: la povertà, la scuola, il patto intergenerazionale, l’affettività, la genitorialità e il rapporto tra politica e cultura. Nei laboratori, esperti del settore aiuteranno i partecipanti a interrogarsi e confrontarsi su argomenti attuali e sensibili sui quali si giocano non solo le scelte personali, ma la credibilità di essere buoni cittadini, ancor prima che buoni testimoni.

 

AUTORE: L’Ac diocesana