L’incontro del card. Bassetti con i malati dell’ospedale

Il card. Bassetti ha incontrato degenti, medici, infermieri e volontari. Per tutti ha avuto parole di conforto e incoraggiamento

Tempo di lettura: 269 secondi

La preghiera nella Cappella dell’ospedale.(Fotoservizio di Andrea Coli)
La preghiera nella Cappella dell’ospedale.
(Foto Andrea Coli)

28/02/2014 – L’intera giornata del 25 febbraio il cardinale Gualtiero Bassetti l’ha trascorsa nei reparti dell’ospedale “Santa Maria della Misericordia” in Perugia, dove è arrivato con puntualità alle ore 8. Nel grande atrio è stato accolto con molta cordialità dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera, Walter Orlandi, e da quello sanitario, Manuela Pioppo.

Accompagnato anche dal direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale della salute, dott. Stefano Cusco, e dal responsabile dei cappellani ospedalieri, padre Adriano Bertero, il cardinale Bassetti ha iniziato la sua Visita al Centro prelievi del laboratorio di analisi e al Day hospital oncologico, incontrando medici, infermieri e pazienti.

Quello con i bambini stato “l’impatto emotivo più forte e mentre li ho accarezzati, ho pregato con loro. C’era anche una mamma mussulmana che ha voluto che benedicessi il suo bambino, perché la preghiera è sempre un fatto universale per tutti”.

“Vedendo questi bambini – ha commentato Bassetti – mi sono venute in mente le parole che Papa Francesco disse uscendo dall’Istituto Serafico di Assisi: ‘le piaghe di questi bambini sono le piaghe della carne di Cristo’”. Quello che ci sconvolge e fa pensare di più anche noi credenti è il dolore innocente, che poi trova la radice soltanto nell’unico Innocente che salì sulla croce”.

“È stato molto bello anche l’incontro nei reparti con i medici, gli infermieri e gli operatori sanitari – ha evidenziato il cardinale Bassetti –, perché io ho detto a loro, in sintesi, voi siete le mani di Dio nell’assistere questi fratelli e se poi ci mettete il cuore allora voi siete anche il cuore di Dio. Ho visto anche un fratello a cui era stato trapiantato il cuore, ma non un cuore umano, un cuore artificiale e qui siamo proprio di fronte ad un miracolo e si capisce proprio come la scienza e la fede, su piani diversi, siano entrambe figlie di Dio, perché anche la scienza è capace di fare dei “miracoli” che non possono che venire da Dio e da chi da Lui è illuminato. Come è stato sottolineato in un reparto, è importante la formazione di tanti studenti universitari e di tanti giovani medici, che sono bravissimi, ai quali ho detto: “se non avessi fatto il prete avrei fatto volentieri il medico per stare a contatto con l’uomo, per sanare l’uomo, perché l’aspetto antropologico del medico è veramente qualche cosa di formidabile. Ritengo questa visita, insieme a quella di ieri (in Carcere, n.d.r.), una delle visite più belle e significative: l’incontro con la sofferenza, l’incontro con la croce di Cristo”.

Nell’incontrare centinaia di persone (malati, familiari, personale sanitario, volontari ospedalieri) il cardinale ha avuto per tutti parole di conforto e di incoraggiamento ed ha raccontato aneddoti della sua vita di sacerdote, vescovo e del recente Concistoro.

“Al Day hospital di Oncologia medica stracolmo di pazienti con i loro familiari in attesa delle terapie – ha raccontato il giornalista Mario Mariano, addetto stampa della Direzione generale ospedaliera di Perugia, che ha seguito l’intera Visita pastorale –, il cardinale Bassetti ha sollecitato una preghiera, chiedendo il permesso di recitarla, dimostrando massimo rispetto della sensibilità di fede altrui e dei non credenti, dedicandola al Servo di Dio Vittorio Trancanelli, noto medico chirurgo perugino scomparso quindici anni fa, per il quale la Chiesa ha avviato il processo di beatificazione. Il cardinale si è raccomandato con i presenti: ‘pregate tanto anche Vittorio, lui è molto vicino al Signore’”.

Anche il momento del pranzo frugale nella mensa del “Santa Maria della Misericordia”, con il direttore generale Orlandi, il direttore sanitario Pioppo e diversi collaboratori della direzione medica ed operatori sanitari, è stato una proficua occasione di conoscenza.

Bassetti “ha avuto parole di apprezzamento per il direttore generale Orlandi e per tutta la struttura ospedaliera perugina”, ha riferito Mariano raccontando anche che il Cardinale ha sottolineato “l’accoglienza speciale” ricevuta “anche quando sono venuto a livello privato, per far visita a sacerdoti ed amici degenti. Questa accoglienza è una qualità degli umbri che ho riscontrato anche in ospedale”.

L’incontro con i bambini dell’oncoematologia pediatrica

Il Cardinale Bassetti si è particolarmente commosso nell’incontrare i giovanissimi degenti del reparto di Oncoematologia pediatrica, che gli hanno fatto trovare un “piccolo” dono, un quadro ed una pergamena con un messaggio scritto con inchiostro dorato.

“Sua Eminenza, la ringraziamo di cuore per la sua presenza tra noi, nel nostro reparto, accanto a tutti gli operatori che ogni giorno si prendono cura della nostra salute fisica e del nostro benessere mentale, accompagnando ogni famiglia nel cammino di cura. Il nostro percorso di guarigione è lungo, duro ed impegnativo, carico di sofferenza, inquietudine, paura… A volte ci sentiamo un po’ sfiduciati e ci sembra di non riuscire ad affrontare tutta la fatica che la malattia comporta. La famiglia è la nostra ancora, il nostro sostegno, il supporto fondamentale per trovare quel calore e quell’amore che diventa forza e coraggio per andare avanti… Per questo le doniamo il quadro che abbiamo realizzato a scuola con le nostre insegnanti, per simboleggiare che la Sacra Famiglia è il riferimento ed il fulcro a cui tendiamo, il “luogo” caldo e confortevole in cui la presenza di Gesù ci fa sperimentare l’amore gratuito. … Confidiamo nella Sua preghiera, nella Sua vicinanza, ci tenga nel Suo cuore! / “I Coniglietti Bianchi”.

Il cardinale, visibilmente commosso, ha augurato loro di trasformarsi “da coniglietti a leprotti”.

AUTORE: R. L.