Monteleone di Spoleto: borgo dall’importante passato etrusco

A pochi passi da Spoleto, Monteleone offre viste meravigliose e luoghi interessanti

Monteleone è sicuramente tra i borghi più particolari e caratteristici della Valnerina, tanto da essere annoverato nella lista dei Borghi più belli d’Italia.

Sorge a 978 m d’altitudine, in un’ottima posizione panoramica sulla campagna circostante e, proprio per la sua posizione è stato definito “Leone degli Appennini”.

LA STORIA

Il territorio di Monteleone sembra essere abitato fin dall’età del bronzo, nel XII secolo la città venne però distrutta e da quel momento in poi la sua storia fu strettamente legata a quella di Spoleto.

Proprio il ducato di Spoleto fortificò il borgo e gli diede l’attuale nome di Monteleone.

LA BIGA

Circa 3 chilometri fuori dal borgo è stata rinvenuta un’antica necropoli, probabilmente utilizzata dall’età del bronzo fino al VI secolo a.C. e testimone della lunga storia del luogo.

Il ritrovamento più importante è stata una tomba a tumulo appartenuta ad un principe e contenente un ricchissimo corredo funebre, compresa una biga con decorazioni in bronzo lavorate a sbalzo raffiguranti scene della vita di Achille.

La biga, datata intorno al 540 a.C., è stata rinvenuta in modo totalmente casuale da un contadino che scavava nella sua aia.

Purtroppo, la biga originale non si trova più a Monteleone, ma è conservata al Metropolitan Museum di New York nella collezione etrusca.

A Monteleone però si può ammirare una copia a grandezza naturale realizzata nel 1985, conservata nei sotterranei del complesso monumentale di San Francesco.

COMPLESSO MONUMENTALE DI SAN FRANCESCO

Il complesso monumentale di San Francesco risale alla fine del Duecento, comprende la Chiesa e l’annesso convento.

La Chiesa risale al XIV secolo e venne costruita su un precedente oratorio del XII secolo. Inizialmente nacque con il nome di Santa Maria, ma poi assunse il nome odierno per i frati francescani che abitavano il convento.

La Chiesa fu restaurata in modo rilevante sia nel Cinquecento che nel Settecento. La facciata principale possiede un portale ogivale con un fascio di tre colonne tortili e dei rilievi raffiguranti animali, uomini e angeli. Nella parte alta si può ammirare un affresco che rappresenta San Francesco e San Nicola con Maria al centro.

Gli interni sono un vero e proprio museo con affreschi, dipinti e statue di grande interesse.

TORRE DELL’OROLOGIO

Altro luogo interessante di Monteleone è la torre dell’orologio, che è una delle tre porte della seconda cinta muraria

Fa da ingresso alla Piazza del Mercato e a tutta la parte più antica e centrale del borgo. Inoltre, dalla torre si può godere di un’ottima vista panoramica.

COMPLESSO DI SANTA CATERINA

Altro luogo di grande interesse è il complesso di Santa Caterina, che nacque come convento per le clarisse nel XIV secolo e venne poi abbandonato nel 1866.

Gli interni sono ornati da decorazioni rococò e nei locali inferiori si può ancora ammirare la ruota degli esposti, dove venivano lasciati i neonati abbandonati.

La pianta è a forma ovoidale ottenuta da quattro triangoli equilateri che si intersecano.
Insomma, se si è alla ricerca di un borgo caratteristico, particolare e dall’ottima posizione panoramica: Monteleone è un’ottima scelta.

Sophia Schippa

Le foto provengono dal sito https://www.umbriatourism.it

LASCIA UN COMMENTO