Perugia: ordinato sacerdote don Lorenzo Perri dal cardinale Gualtiero Bassetti

Tempo di lettura: 384 secondi

imposizione delle mani del card gualtiero bassetti sul capo di don lorenzo perri (1)Lo scorso 20 giugno, nella cattedrale di San Lorenzo in Perugia, sacerdoti, religiosi, religiose, seminaristi e fedeli dell’Archidiocesi si sono ritrovati numerosi attorno al ventiseienne don Lorenzo Perri, ordinato presbitero dal cardinale Gualtiero Bassetti; concelebranti il vescovo ausiliare mons. Paolo Giulietti e l’arcivescovo emerito mons. Giuseppe Chiaretti. Con don Lorenzo i sacerdoti perugino-pievesi sono 112 e la Chiesa diocesana sta vivendo una “primavera di vocazioni” con i suoi 20 seminaristi che studiano presso il Pontificio Seminario Regionale Umbro “Pio XI”, dei quali tre il prossimo 12 settembre, a conclusione dell’Assemblea diocesana, saranno ordinati diaconi avvicinandosi al presbiterato.

Don Lorenzo Perri, che domenica 21 giugno ha celebrato la sua prima messa nella chiesa parrocchiale di Santo Spirito, dove ricevette il sacramento del Battesimo dall’attuale parroco mons. Saulo Scarabattoli, pochi giorni prima della sua ordinazione ha scritto al cardinale Bassetti una “breve, concisa, essenziale lettera”, come lo stesso porporato l’ha definita nel leggere la parte finale durante l’omelia, accogliendola come “una provocazione così positiva e forte”.

“Mi affido alla sua custodia – ha scritto il futuro sacerdote –, sapendo di non vantare l’applauso di molti, ma rassicurato dalla certezza che la mia vita sia cara ai suoi occhi, tanto e quanto essa è cara agli occhi di Dio”. Al riguardo il cardinale ha parlato di “esame di coscienza per un vescovo” e di un “richiamo ad una paternità profonda e sincera”. Ed ha aggiunto: “Mi sono chiesto: la vita dei miei preti, dei miei seminaristi, dei consacrati, dei diaconi, delle famiglie, di tutto il popolo di Dio che mi è stato affidato, è davvero cara ai miei occhi tanto e quanto è cara agli occhi di Dio? Il brano della Lettera ai Corinzi (letto durante la celebrazione, n.d.r.) ci viene incontro e dà senso a tutto ciò che sta per compiersi in te Lorenzo, nella nostra Chiesa diocesana e in tutta la Chiesa”.

“Noi uomini siamo e riposiamo nelle “mani di Dio”… L’importante è aver preso Gesù sulla nostra barca”

E poi la profonda riflessione del porporato sull’“ordinazione di un presbitero”, che “è di fatto un’indicibile Pentecoste. L’amore di Cristo ci possiede. Lui è morto per noi e noi viviamo per Lui, risorto. Perciò chi è in Cristo è una nuova creatura: le cose vecchie sono passate, ecco ne sono nate di nuove… Noi uomini siamo e riposiamo nelle ‘mani di Dio’. È una verità che avrebbero dovuto credere gli Apostoli nell’attraversare il lago, che, pur avendo Gesù sulla barca, ebbero paura di affondare. Una verità in cui dobbiamo credere tutti, soprattutto nelle prove e nei momenti difficili.

E Dio che è padre non lascerà cadere il proprio figliolo! Diceva giustamente santa Teresa d’Avila: ‘Nulla ti turbi, nulla ti spaventi. Tutto passa solo Dio non cambia’. Eppure, ci dice Gesù, ‘perché avete paura? Non avete ancora fede?’. Non siamo soli sulla barca, anche se nel mare c’è tempesta. Talvolta sembra che Dio dorma nella nostra vita. Talvolta ci sembra di essere soli nella lotta contro il male; ma attorno a noi non c’è il vuoto. Le mani di Dio sono più sicure delle nostre. Diceva san Giovanni XXIII: ‘Il Signore sa che ci sono e questo mi basta’. L’importante è aver preso Gesù sulla nostra barca: si tratti della barca della vita, della barca della Chiesa. Oggi, purtroppo, Gesù è escluso da troppe barche, dal cuore di troppe persone, di troppe famiglie”.

La croce è la gloria del prete!

Rivolgendosi al neo sacerdote, il cardinale Bassetti ha detto: “sono grato innanzitutto a te Lorenzo, che ti consegni liberamente e generosamente per l’ordinazione sacerdotale, come sono grato al nostro Seminario Regionale che ti ha aiutato, alla tua famiglia, alla comunità parrocchiale di origine e alle parrocchie a cui sei stato affidato in questi anni di formazione. Un grazie familiare e affettuoso ai sacerdoti, ai consacrati, ai fedeli della Diocesi, che, con la loro presenza, hanno reso più bella questa ordinazione. Caro Lorenzo, ti dico con forza che la croce è la gloria del prete! Sublime mistero, fecondissima esperienza della vita sacerdotale! Essa è il punto culminante della redenzione e perciò dell’adempimento della vocazione sacerdotale. Amore e dolore, come è avvenuto nella vita di Francesco d’Assisi, sono il canto unico ed unitario della vita del prete.

Amore e dolore si integrano e si incrociano per patire i patimenti di tutti, per piangere con chi piange e per esprimere la gioia della nostra vita e della nostra vocazione che possono far sorridere il mondo. Un mondo che difficilmente sorride ma che, nella vocazione del prete, dovrebbe, in modo particolare, vedere il sorriso della grazia. Sono i sacramenti, particolarmente l’Eucaristia celebrata e vissuta, che danno l’immedesimazione efficace alla croce e alla gloria, che fanno del sacerdote un imitatore perfetto di Gesù Cristo ed un amministratore gioioso dei misteri di Dio ad un mondo che, forse senza accorgersene, ne è affamato. E quanta fame e quanta sete di Dio hanno gli uomini di oggi, ad iniziare dai giovani seduti sulla gradinata della nostra cattedrale… Perciò noi preti non siamo per noi stessi, ma per la gente, per il popolo di Dio. Siamo mandati a dare gratuitamente, come gratuitamente abbiamo ricevuto”.

Occorre avere “il cuore di Cristo!”

“E noi per avere questo cuore – ha evidenziato il porporato – dobbiamo essere liberi dalle passioni di ogni tipo e soprattutto da quella terribile del ‘possesso’, che fa l’avarizia e il rinchiudersi in sé, ragione fondamentale di tanti fallimenti sacerdotali e della loro non credibilità. Liberi sempre, caro Lorenzo, per essere servi di misericordia, con un cuore libero, che si senta ‘donato’ e aperto al dono”.

La missione sacerdotale è quella di unire

Il cardinale Bassetti, avviandosi alla conclusione dell’omelia, ha ricordato a don Lorenzo che “la missione del prete è la più pacificante e la più gioiosa” e rivolgendosi al nuovo sacerdote ha detto “possa tu portare nella nostra Chiesa diocesana la speranza di una maggiore comunione fra noi e di un più profondo senso della comunità, per farti anche comunione di questo mondo diviso, di disperazione e di morte. È missione sacerdotale unire: essere corde di congiungimento come diceva san Giovanni Crisostomo”.

Le prime parola da presbitero diocesano di don Lorenzo Perri

Al termine della celebrazione, don Lorenzo ha pronunciato un breve ma toccante discorso di saluto-ringraziamento: “La mia benedizione va a mamma e papà per il dono della vita, a tratti tremenda, tutt’altro che allegra e spensierata, che Dio ha segnato con il passaggio di tutti voi qui presenti. Una vita che Dio ha toccato e diviso in due parti: ciò che c’era prima di incontrarvi, come fosse l’attesa di voi e ciò che c’è stato dopo avervi conosciuto, come fosse la promessa di amarvi per sempre.

Non potendo ricordarvi a uno a uno, vi benedico tutti. Ringrazio tutte le famiglie e gli amici che sono venuti dalla valle tiberina, gli zii e i parenti che sono venuti da lontano, tutta la famiglia, le parrocchie di Madonna Alta, Monteluce, Pierantonio, Solfagnano, Rancolfo, Civitella Benazzone, Santo Spirito e Ferro di Cavallo. Benedico Dio per tutte le amiche e gli amici e i responsabili della ‘Montegrillo Fc’, la piccola società sportiva dove sono cresciuto. Una squadra così scarsa, che in dieci anni non ha vinto mai niente.

Mi avete chiesto ‘chi fosse Dio’ e non sono mai stato in grado di rispondervi. Ci sono pure entrato in Seminario per tentare di rispondervi e non ho ancora trovato le parole e le opere per farlo. Vedendo però come vi siete amati in tutto questo tempo, servendovi e perdonandovi l’un l’altro ogni giorno, siete stati per me la prova che Dio e l’amore esistono e sono la medesima realtà. Verrò a vedervi ridere mentre perdete l’ennesimo torneo di periferia… Viva Cristo Re!”.

AUTORE: Riccardo Liguori