Presto a Perugia il Reparto prevenzione crimine per Umbria e Marche

Tempo di lettura: 140 secondi

Sarà istituito anche a Perugia il Reparto Prevenzione Crimine per l’Umbria e le Marche che potrà contare su 1 commissario, 5 ispettori, 10 sovrintendenti e 34 agenti/assistenti, per un totale di 50 operatori di polizia. Questa mattina in Prefettura è stato firmato l’atto aggiuntivo al Patto “Perugia Sicura” che fissa gli impegni dei firmatari volti a rendere operativo il nuovo Reparto, la cui istituzione – chiesta dal Questore Nicolò D’Angelo – sarà prossimamente formalizzata con un apposito provvedimento del Capo della Polizia, Antonio Manganelli. Oltre al prefetto Vincenzo Cardellicchio, che ha voluto l’incontro, erano presenti la presidente della Regione, Catiuscia Marini, il Presidente della Provincia, Marco Vinicio Guasticchi, il sindaco di Perugia, Wladimiro Boccali, il questore, Nicolò D’Angelo, il comandante provinciale dei Carabinieri, Angelo Cuneo, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Vincenzo Tuzi, il comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato, Paolo Lepori, il vice comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, Maurizio Colizzi.

In particolare, il Comune curerà i lavori di sistemazione e riadattamento dei locali nei quali avrà sede il presidio, ubicati presso la Questura di Perugia, lavori i cui oneri finanziari saranno successivamente ripartiti fra lo stesso Comune, la Regione e la Provincia.

“L’istituzione del Reparto Prevenzione Crimine, resa possibile dallo sforzo comune di tutti i soggetti firmatari del Patto, è – ha dichiarato il Prefetto Cardellicchio – una risposta di alto profilo alle istanze di maggiore sicurezza della comunità umbra e potrà restituire ulteriore serenità a tutto il territorio regionale”.

Per il Sindaco di Perugia, Wladimiro Boccali, “oggi è stato compiuto un concreto passo in avanti verso il ripristino delle condizioni di sicurezza e legalità che Perugia reclama. E’ sempre un giorno positivo quando le promesse delle istituzioni ai cittadini si traducono in azioni reali. Il Comune, che molto ha lavorato affinché questo fosse reso possibile, farà la sua parte e continuerà il suo impegno affinché i perugini si sentano sicuri nella loro città”.

Il Reparto è il 20° organismo di questo tipo che va ad aggiungersi ai 19 già operanti in Italia, dislocati in aree che presentano particolari peculiarità ed esigenze sotto il profilo della sicurezza.

I Reparti Prevenzione Crimine della Polizia di Stato – incardinati all’interno della Direzione Centrale Anticrimine alla direttive del Servizio controllo del territorio – sono nati a metà degli anni ’90 come risposta all’evoluzione dei fenomeni criminali che imponeva la ricerca di metodi operativi all’avanguardia. Essi formano una “task force” di intervento rapido sul territorio ed una risorsa strategica per il contrasto di fenomeni criminali particolarmente complessi, in modo da supportare le pianificazioni anticrimine pensate per le singole realtà geografiche. Attualmente in Italia sono già operativi 19 Reparti Prevenzione Crimine, strategicamente dislocati nelle aree più delicate del Paese; essi hanno sede a Milano, Padova, Torino, Genova, Bologna, Reggio Emilia, Firenze, Pescara, Roma, Napoli, Bari, Lecce, Potenza, Rende (CS), Siderno (RC), Rosarno (RC), Palermo, Catania e Abbasanta (OR).