FAMIGLIA. Da “Professione mamma 2019”: Uomo, donna e nuovi equilibri familiari

Tempo di lettura: 196 secondi

“Cose da femmine” e “cose da maschi”, “compiti da mamma” e “compiti da papà”. Nella società odierna gli equilibri e i ritmi delle famiglie sono molto cambiati rispetto al passato, ciononostante al ruolo di madre e padre si tendono ancora ad associare attività tipiche del maschile o del femminile. Come mai?

Lo abbiamo chiesto, nell’ambito dell’evento “Professione mamma”, tenutosi a Perugia lo scorso fine settimana, alla consulente familiare Angela Passetti, che lavora nel Consultorio di Palazzo di Assisi e in quello diocesano di Terni. “La maggior parte delle famiglie di oggi – spiega – corrisponde ancora a uno stereotipo. La mamma è quella più portata per la relazione, mentre il papà per attività d’azione”.

Può però accadere che la madre sia più impegnata del padre nelle attività fuori casa, e che quindi i ruoli si invertano. “È vero aggiunge Passetti – che il padre è tendenzialmente una figura più d’azione, ma, quando le madri lavorano, anche i padri sono chiamati a relazionarsi con i figli. Se i ruoli arrivano a rovesciarsi, qualche coppia non regge ed è motivo di frattura”.

“I problemi – continua – arrivano solitamente per il fatto che i papà, nel doversi relazionare con i figli, rimangono un po’ ‘Peter Pan’ e non riescono ad assumersi la responsabilità che il ruolo comporta”. Quando però anche gli uomini riescono a sviluppare con successo la parte relazionale, “vengono a crearsi nuovi modelli e nuovi equilibri, e si scoprono delle risorse che le famiglie hanno e che prima non si rendevano conto di avere”.

Se una volta il genitore aveva delle carenze o dei problemi relazionali, vi sopperivano nonni, zii e parenti. “Oggi invece le famiglie sono nuclei a sé stanti, e questo rende i pesi più faticosi da portare”. C’è una soluzione però: “Va meglio per quelle famiglie che fanno parte di gruppi, movimenti o associazioni, in cui ritrovano confronto e supporto”.

Un altro problema frequentemente riscontrato dalla consulente familiare nel suo lavoro riguarda la coppia in quanto tale, non in senso strettamente geni- toriale. “Se guardiamo – dice agli episodi di cronaca nera come i femminicidi, capiamo che la maggior parte dei casi sono legati a figure di uomini narcisisti. Il narcisista sviluppa un senso di possesso sulla compagna perché crede che questa debba vivere solo in sua funzione”.

“Essere uomini e donne, papà e mamme consapevoli delle proprie diversità, specificità e talenti è un dono per i figli, pur nella fantasia che ogni coppia porta con sé” affermano Vincenzo e Sarah Aquino, coordinatori per l’Umbria dell’Associazione nazionale famiglie numerose e organizzatori di “Professione mamma e professione papà”.

La manifestazione, giunta alla quinta edizione e svoltasi quest’anno nell’ambito del Festival della famiglia promosso dal Comune di Perugia, è organizzata come una fiera in cui i genitori mettono in comune le proprie esperienze e si scambiano “trucchi del mestiere”. Fra gli stand delle mamme, erano presenti attività come l’organizzazione feste o i massaggi al proprio bimbo, i saponi fatti in casa o insegnare filastrocche. Ai papà invece la pesca, la falegnameria, i fumetti o lo sport.

“La suddivisione degli stand risponde sicuramente al classico stereotipo delle attività ‘da mamma’ e ‘da papà’ – sottolinea Sarah – , ma in un certo senso fa parte della naturalità delle cose, e non esclude comunque che una mamma possa andare a imparare dallo stand del papà falegname”.

“Questa diversità – aggiunge Vincenzo – ci dà originalità in quello che siamo. Essere maschi e fare cose ‘da maschi’ o essere femmine e fare cose ‘da femmine’ fa sì che nell’insieme si sia completi”. La coppia, che ha undici figli tra maschi e femmine, spiega che, nella loro esperienza, le differenze spesso vengono fuori fin dall’infanzia.

 

“I nostri figli hanno avuto sempre a disposizione giochi sia femminili che maschili, e a volte se li sono anche scambiati, ma abbiamo notato che, chi più chi meno, alla fine si sono diretti verso le attività ‘tipiche’ del loro genere”.

Valentina Russo

LASCIA UN COMMENTO