Questa settimana focus sul lavoro. Iniziativa Ceu per il 1 maggio

Questa settimana su La Voce (Leggi tutto nell’edizione digitale)

l’editoriale

Una sfida da vincere

di Stefano De Martis

La gestazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza è stata laboriosa e complessa. Ha coinvolto due governi, due maggioranze, e nella sua stesura definitiva il premier Draghi ha messo in gioco tutta la sua personale autorevolezza anche a livello internazionale. Ma in un certo senso la fase più impegnativa inizia ora. Certo, è doveroso respingere i pregiudizi sull’Italia che, (…)

Focus

Giornalisti sotto attacco

di Tonio Dell’Olio

Nel 73% dei 180 Stati esaminati, l’organizzazione Reporter senza frontiere ha rilevato che essi operano in condizioni classificate come “gravissime”, “difficili” o “problematiche” per la professione. Mentre l’Italia (…)

Melville in Terra Santa

di Dario Rivarossa

C’è anche l’Umbria nel poema Clarel di Herman Melville. Ormai verso la sessantina, nel 1876 l’autore di Moby Dick pubblicò questo poema, più lungo della Divina Commedia, in cui (…)

Nel giornale

Coltiviamo il lavoro

Questo Primo Maggio sarà celebrato tenendo all’orizzonte il “Piano nazionale di ripresa e resilienza” (Pnrr) varato dal Governo. Uno dei punti fondamentali riguarda proprio il rilancio dell’economia. Da dove partire? “Dai giovani” rispondono i Vescovi dell’Umbria, che organizzano un confronto tra imprenditori e società, lasciando che a dire la loro siano anzitutto le nuove generazioni. Ce ne parla la coordinatrice, Francesca Di Maolo.

La Cei quest’anno, per la prima volta, pubblica ufficialmente un messaggio per il Primo Maggio.

In attesa di mettere in atto il Pnrr, esaminiamo quali progetti prevede per l’Umbria. I pareri dell’economista Zamagni, del prof. Grasselli e della Cisl regionale.

SI APRE IL MESE MARIANO

Papa Francesco lancia una “maratona” di preghiera del rosario in questo mese di maggio tradizionalmente dedicato alla Madre di Dio. Per tutto il mese, in diretta via via da trenta grandi santuari, l’invocazione del mondo intero per la fine di questa pandemia

STOP ALLA VIOLENZA

Centri antiviolenza a rischio per mancanza di fondi? Nei giorni scorsi era stato lanciato l’allarme per difficoltà burocratiche e ritardi dei versamenti da parte del Comune di Perugia. Nel frattempo i fondi sono arrivati, e si delinea una soluzione condivisa e duratura

MIGRANTI

Chi perde la vita – ancora a centinaia, nell’indifferenza generale – per attraversare il Mediterraneo. E chi, immigrato residente qui da noi, nonostante la crisi dovuta alla pandemia, invia più soldi di prima nella propria terra di origine. I lati dell’Italia che molti non sanno vedere

LASCIA UN COMMENTO