Questa settimana su La Voce: donne e società, Covid e povertà, Cammini francescani

Questo e tanto altro nel numero di questa settimana. Leggilo in edizione digitale.

l’editoriale

 

Irregolarità, la via peggiore

di Andrea Casavecchia

Non raggiunge i sei milioni la stima del numero dei cittadini stranieri in Italia. Più donne che uomini, più giovani che anziani. I migranti rimangono una boccata d’aria per la struttura demografica del Paese. Però il flusso sembra fermarsi.
Lo 0,7% in meno rispetto all’anno scorso: avverte la Fondazione Ismu nel XXVI Rapporto sulle migrazioni (2020). D’altronde la mobilità durante la pandemia si è rarefatta.(…)

Focus

Covid: politica e Caritas

di Pier Luigi Grasselli

Con la pandemia da Covid-19 la povertà ha confermato la sua natura di fenomeno complesso e pervasivo, legato strettamente alle dinamiche del sistema, quindi sensibile agli shock da cui questo è colpito, e dipendente dalle…

La donna secondo Dante

di Dario Rivarossa

Che per la donna la vita possa essere un inferno, nessuno lo sapeva meglio di Dante. In questo settimo centenario della morte del poeta, e in vista dell’8 Marzo, è stata organizzata nei giorni scorsi dalla Fidapa…

Nel giornale

L’altra metà della terra

Ci avviamo verso l’8 Marzo, giornata dedicata alla donna. Come si dice spesso, è improprio definirla “festa” e meno ancora in un anno come questo, in cui la costrizione dentro casa ha fatto ulteriormente aumentare i casi di violenza tra coniugi. Abbiamo chiesto a una psicoterapeuta di fornire indicazioni utili a comprendere e prevenire il fenomeno. Ma abbiamo anche sentito una rappresentante sindacale sul prezzo, alto, che le donne stanno pagando a causa della crisi nel mondo del lavoro. E ancora, abbiamo dato voce alle neo-mamme che si sono ritrovate a dare alla luce e allevare figli in una situazione come quella attuale. L’unica notizia “rosa” è che il futuro appartiene alle persone tenaci.

Papa Francesco

In questi giorni la visita in Iraq. È la prima volta che un Papa ci va, ed è una meta carica di antichi simboli (la Ur di Abramo) ma anche di drammi dell’epoca contemporanea, tra guerre e una convivenza religiosa che ha bisogno di fare passi avanti

Emergenza COVID

Sono sette, in Umbria, i sacerdoti diocesani rimasti vittima della pandemia. Si tratta di uno dei dati contenuti nel libro di Riccardo Benotti appena uscito. Continuiamo a monitorare la situazione in Regione. Intervista al
consigliere Tommaso Bori

Cammini

Dati sorprendentemente incoraggianti sulla frequentazione dei “sentieri francescani” in Umbria, nonostante i limiti imposti dall’emergenza. Un fatto che rivela quanto sia profonda la sete di spiritualità e/o armonia con l’ambiente, e stimola tutti gli operatori a pensare fin d’ora al domani

 

LASCIA UN COMMENTO