I rifiuti come metafora dello stile politico attuale

Tempo di lettura: 50 secondi

di Daris Giancarlini

Rifiuti. I due (vice) premier litigano sull’impianto di termovalorizzazione (o incenerimento, non si è capito, perché ognuno lo chiama in maniera diversa…) della Campania. Poi a favore di telecamere (ma non Salvini…) firmano un protocollo che mette fine ai litigi, con la mediazione del Presidente del Consiglio (?), per evitare che il Governo cada sulla monnezza.

Rifiuti. La nave Aquarius, quella con cui Medici senza frontiere salvava migranti nel Mediterraneo, è finita nel mirino prima della procura di Catania e poi del ministro dell’Interno, ed è stata sequestrata: dalla procura di Catania, per smaltimento illecito di rifiuti. Tutte le volte che approda in un porto, la nave scarica materiale, come vestiti usati, scarti di cucina e altro. Tutto questo, sotto lo sguardo di polizie e prefetture – che non sono mai intervenute. Da anni.

Ora la nuova accusa. Rifiuti. La carovana di migranti del Centro America arriva alle porte del Messico e il Presidente degli Stati Uniti reagisce, su Twitter: Go home (“Tornatevene a casa”). Problema risolto?

LASCIA UN COMMENTO