Rinascimento tra antiche contrade

Dal 6 fino al 16 giugno Acquasparta si veste a festa in ricordo di Federico Cesi

Tempo di lettura: 133 secondi

acquaspartaFeste e giochi di corte, rievocazioni storiche in costume, spettacoli teatrali, concerti e gare fra piatti rinascimentali. Saranno questi gli ingredienti principali della Festa del Rinascimento che si tiene ad Acquasparta dal 6 al 16 giugno. Giunta alla Quattordicesima edizione quest’anno la kermesse storica dedicata a Federico Cesi II, fondatore dell’Accademia dei Lincei, verrà proposta in veste rinnovata, con una campagna di comunicazione “social” che mette al centro gli stessi contradaioli.

Per dieci giorni il borgo si troverà ad essere ripartita geograficamente in tre zone definite, tante quante le sue antiche contrade: quella del Ghetto, dai vessilli verdi e neri, quella di Porta Vecchia, con i colori giallo e blu, e quella di San Cristoforo, in bianco e blu, che si contenderanno la vittoria del Palio sfidandosi in quattro gare, quali la preparazione di piatti tipici rinascimentali, l’organizzazione di rappresentazioni teatrali per le vie del paese, il Palio della Lince (gara di abilità a cavallo in cui ogni cavaliere deve colpire con una lancia un bersaglio fisso, in programma domenica 9 giugno) e il Gioco dell’Oca, con prove di abilità e destrezza di epoca rinascimentale che si svolgeranno in piazza Federico Cesi. Sabato 15, dalle 21.30, si sfideranno i contradaioli più piccoli, mentre domenica 16, alle 17.30, toccherà agli adulti. In conclusione, alle 18, la proclamazione della contrada vincitrice e la consegna del Palio.

Da non perdere le sfilate in costume storico: “Il Grande Corteo dei Doni’, con la lettura del Bando e la riconsegna delle chiavi al Governatore della Città da parte della Contrada del Ghetto, vincitrice dell’edizione 2012 (giovedì 6 giugno, ore 21.30), “L’omaggio al Principe Federico Cesi” da parte delle vicine città di Amelia, Calvi dell’Umbria, Narni, Otricoli e Sangemini (sabato 8 giugno, ore 21.30), e “Il Corteo storico” che concluderà la manifestazione domenica 16 giugno (da piazza San Francesco, ore 17.30).

Il programma prevede inoltre esibizioni itineranti dei tamburini delle tre Contrade e della Compagnia dei Trampollari e dei musici della scuola “ResonArs” di Assisi, un mercato rinascimentale lungo il corso cittadino, la mostra dei lavori realizzati dagli alunni della scuola dell’infanzia di Acquasparta, spettacoli teatrali per bambini, e un’anteprima del festival di musica classica “Federico Cesi”. Grande spazio sarà infine dato alla valorizzazione storico-culturale dei beni del territorio, con una serie di conferenze dedicate alla storia della famiglia Cesi, al feudo di Casigliano, al progetto di realizzazione del Museo per la Comunità e alla recente campagna di scavi cominciata sotto la tomba di Federico il Linceo, nella chiesa di Santa Cecilia.

Ogni sera, dal 13 al 16 giugno, la manifestazione avrà anche un “DopoFesta”, trasmesso in diretta streaming su www.ustream.tv (canale Rinascimento-Acquasparta), con i commenti dei contradaioli e curiosità. Info www.comune.acquasparta.tr.it

AUTORE: M. A.