Ripensare Jacopone

TODI. Appuntamento mensile della Scuola della Parola, tra preghiera, meditazione e cultura

Tempo di lettura: 119 secondi

Partecipato come sempre da giovani e anche da meno giovani l’appuntamento mensile della Scuola della Parola, pensato per tutti coloro che hanno il desiderio di trovarsi insieme guidati dal nostro vescovo mons. Giovanni Scanavino, nella preghiera comune e nell’approfondimento di tematiche inerenti la fede. Sabato 5 novembre la casa diocesana di Spagliagrano ha accolto persone provenienti da diversi luoghi della diocesi: ragazzi accompagnati dai loro educatori, catechisti, laici impegnati, appartenenti a varie associazioni e movimenti, volontari Caritas. La prima parte dell’incontro è stata dedicata alla meditazione sul tema de ‘La verità dell’Amore’, secondo approfondimento del percorso proposto dal Vescovo per questo anno ai partecipanti alla Scuola della Parola; seguita da una intensa adorazione eucaristica, animata da un gruppo di giovani musicisti che sempre più numerosi prestano il loro servizio per questi appuntamenti diocesani. Lo stile che in questi anni si è cercato di imprimere alla Scuola della Parola è quello di accostare a momenti dedicati alla meditazione e alla preghiera, degli incontri di carattere formativo che si sviluppano nella seconda parte della serata, grazie all’intervento di ospiti che vengono a portare ai presenti la propria testimonianza di fede, la propria esperienza particolare oppure ad esporre, nella semplicità e nella condivisione, una tematica di carattere culturale, sociale o riferita all’attualità. Nello scorso incontro ospite speciale è stato padre Pietro Messa, docente di storia della spiritualità medioevale e francescana all’Istituto teologico di Assisi e all’Ateneo Antoniano di Roma, il quale è venuto a portare all’attenzione di tutti la figura di Jacopone da Todi. Il senso di questa ‘chiacchierata’ intorno al beato Jacopone sta proprio nella necessità di far riscoprire a tutti, in diocesi, la spiritualità ed il pensiero di questo mistico e poeta che è stato figlio delle nostre terre, soprattutto ora all’approssimarsi dell’apertura a Todi dei festeggiamenti dell’anno jacoponico, previsti per il marzo del 2006, in occasione del settimo centenario della sua morte. In attesa della Domenica delle Palme del prossimo anno, quando i Vespri solenni ed un concerto daranno il via a questo momento speciale per la città di Todi e per la Chiesa locale, è opportuno che si prepari la strada con approfondimenti catechetici sulla figura e le opere di Jacopone, portandolo in mezzo alla gente, come hanno fatto le missioni popolari di Todi, perché Jacopone non sia solo argomento di tesi di laurea o appannaggio delle discussioni di dotti ed eruditi.

AUTORE: Francesca Carnevalini