Sartoria & liturgia

L’Artigianato tessile ecclesiastico di Spoleto: scrigno del gusto, della precisione, dell’eleganza e della passione

Tempo di lettura: 107 secondi

“La vecchia generazione dei sarti ecclesiastici sta scomparendo e la professionalità dei rappresentanti di questa nobile attività artigianale è in via di estinzione”. È quanto affermato recentemente da Michele Ombroso, che per oltre cinquanta anni ha lavorato in una sartoria ecclesiastica, sul giornale on line www.papaneew.it. “La vecchia generazione dei sarti, afferma, sta sparendo e con essa anche la professionalità. La nostra arte non può essere improvvisata”. Fortunatamente, però, ci sono ancora persone in Italia che hanno a cuore questa antica arte. Nella nostra città di Spoleto ne abbiamo un esempio. Due sorelle, Giuliana e Stefania Nagni, dal 2005 hanno costituito la Cooperativa Ar.T.E. (Artigianato Tessile Ecclesiastico), raccogliendo la preziosa eredità delle suore che, per anni, raccolte nella pace dei monasteri, hanno realizzato casule, camici, tovaglie, tutto il necessario per la chiesa e i suoi ministri. Con un grande amore per questa antica arte, le sorelle Nagni realizzano pezzi completamente artigianali, originali ed unici. Il lavoro è completamente artigianale. Il cliente, principalmente i presbiteri, che va nella Cooperativa Ar.T.E. partecipa alla progettazione dell’opera, alla scelta dei tessuti, dei filati e dei modelli. Ad esempio molti paramenti sono realizzati riportando nel tessuto le stesse decorazioni della chiesa nella quale andranno. Inoltre, ad essi possono essere applicati ricami, merletti e perle. Oltre alle casule e ai camici dei sacerdoti, la Cooperativa realizza anche l’occorrente per la chiesa: tovaglie e servizi per l’altare. Ultimamente vengono realizzati anche gli abiti talari per i preti, ma anche le tuniche per i frati e monaci, così come anche vestiti per i battesimi o le prime comunioni. Tra le realizzazioni non mancano piviali e mitre per i vescovi. Inoltre, viene messa a disposizione anche la competenza della signora Giuliana per il restauro di capi antichi. Insomma, nei locali dell’Artigianato Tessile Ecclesiastico di Spoleto, situati in via Giro del Ponte num. 4, nei locali adiacenti la Basilica di S. Pietro, c’è una vasta gamma di scelta: dai modelli più ricercati ed elaborati a quelli più semplici, guardando sempre con attenzione al passato e alla tradizione abbinati alle nuove tecnologie, sena mai rinunciare la gusto, alla precisione e all’eleganza.

AUTORE: Francesco Carlini