Spoleto. Boccardo: l’Epifania è festa dell’incontro, della fede e del cuore

Giovedì 6 gennaio 2022 la celebrazione  dell’Epifania nel Duomo di Spoleto è stata presieduta dall’arcivescovo Renato Boccardo.Presenti i fedeli distanziati come richiesto dalle norme di prevenzione dei contagi Covid19.

Epifania festa dell’incontro…

“L’Epifania – ha detto mons. Boccardo all’omelia – è anzitutto la festa dell’incontro: il cammino di ogni uomo può sfociare nell’incontro con Dio; trova anzi in questo incontro il suo felicissimo epilogo. Tutto ciò avviene in una convergenza di argomenti che mostrano la ragionevolezza e insieme la provvidenzialità di un itinerario umano di ricerca”.

… festa della fede …

L’Epifania, ha aggiunto, “è anche la festa della fede, la festa che allarga i misteri del presepio al mondo intero, l’offerta universale di salvezza a quanti avranno la fortuna e il coraggio di accoglierla. Si tratta dunque di una fede dinamica, vigilante, creativa; ma anche del rischio di non avere il coraggio di accogliere questa fede, o di lasciarla svuotare del suo vero contenuto che è il Cristo, il Figlio di Dio fatto uomo”.

… festa di cuori aperti

L’Epifania è infine “festa dell’apertura del cuore” ha detto mons. Boccardo che, citando Papa Francesco, ha sottolineato che “per i cristiani le parole di Gesù implicano il riconoscere Cristo stesso in ogni fratello abbandonato o escluso (cf Mt 25, 40. 45). In realtà, la fede colma di motivazioni inaudite il riconoscimento dell’altro, perché chi crede può arrivare a riconoscere che Dio ama ogni essere umano con un amore infinito e che gli conferisce con ciò una dignità infinita. A ciò si aggiunge che crediamo che Cristo ha versato il suo sangue per tutti e per ciascuno, e quindi nessuno resta fuori dal suo amore universale” (Fratelli tutti, 85)”.

Parole vere per tutti

Queste tre caratteristiche diventano messaggio per tutti. “Abbiamo bisogno – ha detto l’Arcivescovo – di leggere la nostra vita come un cammino verso una mèta, di leggere nell’incontro con Gesù il momento qualificante e rivelatore di ciò che siamo e di ciò che cerchiamo; abbiamo bisogno di riconoscere che tutti gli argomenti scientifici e filosofici riguardanti il senso del cammino umano hanno, nell’incontro col Signore, la loro piena giustificazione e il loro senso.

Poi, la fede: abbiamo bisogno che lo Spirito Santo irrori con i suoi doni la virtù teologale della fede, per la quale ci si affida perdutamente a Dio e si vede ogni situazione e ogni rapporto nella luce del Trascendente. La fede dà il cuore nuovo per consentire alla Verità e dà occhi nuovi, capaci di discernere nelle parole e negli eventi della vita quotidiana i segni della presenza di Dio e della sua chiamata.

Infine, l’apertura del cuore: abbiamo bisogno che lo Spirito Santo vivifichi con il dono della sapienza la virtù teologale della carità, affinché il nostro cuore diventi accogliente nei confronti degli altri, ne rispetti la diversità e la libertà, ne cerchi il bene vero e sia reso capace di sacrificarsi per questo bene; dobbiamo imparare a dare alla carità il primo posto nelle nostre scelte e nei nostri rapporti, in modo da non escludere nessuno, da non rifiutare nessuno, da non giudicare nessuno”.

Epifania con i Magi in Cattedrale

Al termine della Messa sono “giunti” in Duomo, dinanzi all’altare maggiore, i Magi: hanno consegnato ai ragazzi della catechesi presenti un piccolo dono. Questo momento, a ricordo dei doni (oro, incenso e mirra) che questi Re fecero al Bambino Gesù, è stato organizzato dalle parrocchie del centro di Spoleto guidate da don Bruno Molinari e da don Pier Luigi Morlino.

Hanno concelebrato con mons. Boccardo il Vicario generale e i parroci della Città di Spoleto (S. Gregorio, Santi Pietro e Paolo e Santa Rita). La liturgia è stata animata dalla corale della Pievania di Santa Maria.

Il servizio all’altare è stato curato dai seminaristi e ministranti, coordinato dal cerimoniere don Pier Luigi Morlino.

LASCIA UN COMMENTO