Umbria, marchio verde d’Italia

LA REGIONE adotta il marchio Green Heart Quality per dare maggiore visibilità alle aziende, scuole, enti, attività che rispettano l’ambiente

Tempo di lettura: 172 secondi

green-heart-qualityL’Umbria è la prima Regione d’Italia a dotarsi di un marchio di sostenibilità ambientale: Green Heart Quality, nella consapevolezza che investire nella eco-sostenibilità aumenti la capacità delle imprese di essere competitive. Principali finalità del progetto sono aumentare il valore di prodotti, aziende ed eventi, accrescere la competitività degli operatori in Italia e all’estero e mostrare a consumatori e turisti le eccellenze green della regione, per promuovere il territorio ed accrescere l’immagine dell’ Umbria.

Possono fregiarsi del marchio soggetti in possesso di requisiti specifici che fanno riferimento allo sviluppo sostenibile e alla lotta ai cambiamenti climatici. Parole d’ordine: riduzione delle emissioni di CO2, riduzione dei consumi di energia e dei consumi idrici, installazione di impianti da fonti rinnovabili.

Nel settore del commercio verranno premiate le attività che fanno la raccolta differenziata e utilizzano bioshopper, mentre nel turismo potranno avvalersi del marchio i servizi di alloggio e di ristorazione energeticamente efficienti, che offrano tipicità locali e servizi green, inclusa la mobilità sostenibile.

Si premiano inoltre gli enti pubblici impegnati a ridurre le emissioni di gas serra, i consumi idrici, aumentare la raccolta differenziata e fornire servizi green ai cittadini; gli istituti scolastici energeticamente efficienti, e che svolgono Educazione ambientale. Nell’edilizia, i progettisti di edifici in classe A e con impianti da fonti rinnovabili e i costruttori edili che li realizzano; inoltre, gli organizzatori di eventi eco-sostenibili e i promotori di progetti innovativi di eccellenza.

Il marchio è stato pensato per aumentare il valore dei prodotti, in particolare sui mercati esteri, ma con Green Heart Quality non si identificano solo imprese e prodotti ma anche servizi, enti ed eventi eco-sostenibili. L’idea è quella di racchiudere sotto un unico simbolo tutte le eccellenze green, esaltando il lavoro di chi sceglie di percorrere la strada della competitività nell’ottica della sostenibilità ambientale.

L’impatto in termini di sensibilizzazione dei cittadini a comportamenti più virtuosi viene amplificato dalla grande visibilità del marchio. In Umbria si può scegliere di alloggiare in una struttura certificata Green Heart Quality, acquistare prodotti Green Heart Quality, comprare una casa Green Heart Quality

Le prime tre aziende a ottenere il marchio sono state la Same srl di Torgiano, produttore di materiali isolanti termoacustici di tipo riflettente, e due strutture ricettive: hotel resort Valle d’Assisi e residenza Roccafiore di Todi.

Lunedì 24 a palazzo Donini, Federica Lunghi, presidente di Green Innovation che gestisce il progetto, ha presentato i 7 nuovi concessionari ai quali la presidente della Regione Catiuscia Marini ha consegnato il marchio: Cesvol – Centro servizi per il volontariato di Perugia, Costa d’oro spa di Spoleto (olio extra-vergine d’oliva), Duo Architects studio associato di Perugia (architettura e interior design), Gruppo creativo srl (comunicazione istituzionale), istituto tecnico industriale sperimentale “Maria Letizia Cassata” di Gubbio, azienda agricola Mezzasoma “Corrado e figlio” di Sant’Enea, Splendorini Molini Ecopartner srl di Umbertide (trattamento rifiuti alimentari).

Il tema dello sviluppo sostenibile – ha detto la presidente Marini nel suo intervento – è al centro delle politiche europee, ma anche il cittadino consumatore sarà sempre più attento a queste problematiche, e le aziende di produzione e di servizi, e la stessa pubblica amministrazione dovranno affrontarlo per vincere le sfide della globalizzazione.

Ha chiuso i lavori Lucio Caporizzi, dicendo che la Regione crede fortemente che investire nella sostenibilità ambientale aumenti la capacità delle imprese e del territorio di essere competitivi nel mondo, e consenta all’Umbria di riposizionarsi da “cuore verde d’ Italia” a “luogo delle eccellenze e della qualità ambientale”.

AUTORE: Alberto Mossone