Una marcia in più contro il terrorismo

L'11 settembre si svolgerà la marcia Perugia-Assisi, mentre dall'8 al 10 si terrà la sesta assemblea dell'Onu dei popoli

Tempo di lettura: 147 secondi

‘Mettiamo al bando la miseria, mettiamo al bando la guerra, riprendiamoci l’Onu’. Il sito web della Tavola della Pace con questi slogan lancia l’invito agli utenti Internet a partecipare alla marcia della pace Perugia-Assisi del prossimo 11 settembre, data ormai entrata nella storia del terzo millennio per le stragi di New York e Washington. Questa giornata è stata scelta simbolicamente anche per ribadire l’importanza della partecipazione contro il terrorismo che ha seminato sangue e distruzione a Londra e a Sharm El Shaikh gettando nel panico la capitale inglese e dando un colpo pesante all’industria del turismo egiziano, nel suo centro più famoso. Nel sottolineare i lutti per i morti di Londra, la Tavola della Pace ha invitato uomini e donne a partecipare alla marcia Perugia-Assisi di settembre. ‘Il dolore, l’angoscia e il senso di smarrimento di queste ore – hanno affermato Flavio Lotti e Grazia Bellini, coordinatori nazionali della Tavola della pace – ci spinge a intensificare il nostro impegno concreto contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre e le grandi violazioni dei diritti umani che continuano ad insanguinare il mondo. Invitiamo tutte le donne e gli uomini amanti della pace e della giustizia, le associazioni e gli enti locali ad organizzare insieme a noi, il prossimo 11 settembre, una nuova grande marcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace. Costruiamo insieme un argine umano al crescente disordine e insicurezza internazionale – concludono – rompiamo le catene dell’odio. Diciamo no al terrorismo, alla guerra e alla violenza’. Secondo i coordinatori della Tavola della Pace ‘per vincere il terrorismo ci vuole una marcia in più, una marcia contro la miseria, la violenza, la guerra e il terrorismo, per democratizzare e rafforzare l’Onu’. La mobilitazione dei cittadini a sostegno della pace, della giustizia e della democrazia ‘è parte essenziale della lotta al terrorismo – hanno continuato Lotti e Bellini – rafforzare la società civile in tutto il mondo e la sua capacità di respingere le ideologie violente, di promuovere il dialogo e la convivenza è tra gli obiettivi di fondo dell’assemblea dell’Onu dei popoli e dell’assemblea dell’Onu dei giovani che precederanno, a Perugia e a Terni, la marcia Perugia-Assisi’. La sesta assemblea dell’Onu dei popoli si svolgerà a Perugia dall’8 al 10 settembre e affronterà i temi della lotta alla povertà, della costruzione della pace, del rafforzamento dell’Onu e della democrazia internazionale. Come sempre l’Assemblea vedrà la partecipazione di numerosi esponenti laici e religiosi di movimenti, sindacati, organizzazioni e network nazionali e internazionali, istituzioni locali e università, centri di ricerca di tutto il mondo impegnati contro la povertà e la guerra, a favore della pace e dei diritti umani, dello sviluppo umano sostenibile, della giustizia sociale e della democrazia. Con questa edizione, la Tavola della pace festeggerà anche il decennale dell’Assemblea dell’Onu dei Popoli (1995-2005): una ricorrenza che, oltre a sollecitare una riflessione sull’esperienza realizzata, consentirà di approfondire il dibattito sul crescente ruolo della società civile mondiale.

AUTORE: E. Q.