Università Perugia. Passaggio di consegne dal Rettore Moriconi ad Oliviero

Tempo di lettura: 236 secondi

Si è svolta giovedì 24 ottobre in una affollatissima Sala del Dottorato, a Palazzo Murena, la cerimonia di passaggio delle consegne fra il Magnifico Rettore in carica, professore Franco Moriconi, e il Magnifico Rettore eletto, professore Maurizio Oliviero, alla presenza dei Componenti del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione, in carica e neo-eletti, del Pro Rettore Professore Alessandro Montrone e del Direttore Generale Dottoressa Tiziana Bonaceto.

Le parole di Moriconi

“Ho fortemente voluto questa semplice cerimonia – ha esordito il Rettore in carica Moriconi – che spero possa diventare un appuntamento abituale, perché appaia chiaro che il cambiamento, la rotazione nei ruoli di massima responsabilità, in altre parole la democrazia, sono un valore da cui non possiamo prescindere; e che dunque, al di là delle sensazioni e delle emozioni personali, oggi è una grande giornata di festa.

Sono sereno, perché so di lasciare un Ateneo rinnovato, solido, in crescita, che ha saputo investire con profitto in questi anni nella didattica, nella ricerca e nella internazionalizzazione, grazie soprattutto a un impegno ampiamente condiviso.

Per questo voglio ringraziare tutti – ha sottolineato Moriconi visibilmente emozionato – perché senza la partecipazione di coloro che lavorano nella nostra Università nulla di ciò che è stato fatto sarebbe stato possibile. Mi sia consentito anche salutare il nuovo Rettore, Professore Maurizio Oliviero. Sono convinto che non risparmierà impegno e dedizione e che saprà guidare l’Università verso nuovi traguardi: a lui – ha concluso il Professore Moriconi – vanno i miei migliori auguri di buon lavoro”.

Il discorso di Oliviero

“Non nascondo l’emozione – ha dichiarato il Rettore eletto Maurizio Oliviero – perché questa Comunità mi ha dato il grande onore di essere la guida pro tempore di uno dei più prestigiosi e importanti atenei al mondo. Vorrei che questo onore e questa responsabilità fosse condivisa con i nostri studenti – uno dei quali, al quale faccio i miei migliori auguri, ora guida il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari -, con le mie Colleghe e i miei Colleghi e con tutto il Personale, perché tutti saranno determinanti in questa fase propulsiva per il futuro del nostro Studium.

L’Università degli Studi di Perugia possiede solide radici secolari, ora dovremo avere il coraggio di aprirci al mondo, e vorrei farlo insieme alle nostre città, insieme a Perugia, dove questa Università è nata, ed insieme all’intera Umbria. Questo è l’Ateneo – ha proseguito il professore Oliviero – in cui per la prima volta la dignitas dottorale dottorale era addirittura considerata superiore alla dignitas nobiliare, perché, come ci ricorda Bartolo da Sassoferrato, il titolo dottorale si acquisisce per merito, non si eredita: basterebbe questo per dire quale eredità significativa riceviamo.

Saremo una Università al centro delle grandi dinamiche della contemporaneità, in un’ottica di apertura e dialogo con tutte le forze sociali e politiche, per essere guida e custodi, con orgoglio e responsabilità, dei saperi che – ha concluso il Rettore eletto Professore Maurizio Oliviero – siamo chiamati a trasmettere ai nostri giovani, così da affiancarli nel trovare il migliore percorso verso il futuro”.

Il nuovo Rettore, professor Oliviero, entrerà nel pieno delle funzioni il 1°novembre 2019.

Nuovi direttori dei Dipartimenti

Dal 1° novembre entreranno in carica anche i nuovi direttori di Dipartimento. Si è conclusa infatti la tornata di votazioni per le elezioni dei Direttori dei 16 Dipartimenti dell’Università degli Studi di Perugia, per il triennio accademico 2019/2022.

Questi i nomi:

Dipartimento di Lettere – Lingue, Letterature e civiltà antiche e moderne: professor Stefano Brufani (prenderà il posto del professor Mario Tosti);

Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione: professoressa Claudia Mazzeschi (confermata);

Dipartimento di Medicina: professor Giuseppe Ambrosio (prenderà il posto di Carlo Riccardi);

Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Biomediche: professor Stefano Eramo (prenderà il posto del professor Mauro Bacci);

Dipartimento di Scienze Politiche: professor Giorgio Eduardo Montanari (prenderà il posto del professor Ambrogio Santambrogio);

Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie: professor Alceo Macchioni (prenderà il posto del professor Fausto Elisei);

Dipartimento di Ingegneria: professor Ermanno Cardelli (prenderà il posto del professor Giuseppe Saccomandi);

Dipartimento di Scienze Farmaceutiche: professoressa Violetta Cecchetti (confermata);

Dipartimento di Giurisprudenza: professor Andrea Sassi (prenderà il posto del professor Giovanni Marini);

Dipartimento di Fisica e Geologia: professor Daniele Fioretto (prenderà il posto del professor Massimiliano Barchi).

In precedenza, fra giugno e luglio 2019, erano già stati eletti i direttori degli altri 6 Dipartimenti:

Dipartimento di Economia: professor Libero Mario Mari (confermato);

Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale: professor Giovanni Gigliotti (prenderà il posto del professor Annibale Luigi Materazzi);

Dipartimento di Matematica e Informatica: professor Massimo Giulietti (prenderà il posto del professor Gianluca Vinti);

Dipartimento di Medicina Sperimentale: professor Paolo Puccetti (prenderà il posto del professor Vincenzo Nicola Talesa);

Dipartimento di Medicina Veterinaria: professor Fabrizio Rueca (prenderà il posto del professor Luca Mechelli);

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali: professor Gaetano Martino (prenderà il posto del professor Francesco Tei).

LASCIA UN COMMENTO