Università di Perugia. Precisazioni sulla sospensione delle attività didattiche causa virus

Tempo di lettura: 143 secondi

Facendo seguito alla comunicazione relativa alla sospensione delle attività didattiche fino al 15 marzo, si precisa – in relazione a tutte le sedi, le strutture e gli spazi di proprietà dell’ Ateneo perugino o comunque in uso al medesimo – quanto segue:

  1. L’accesso alle biblioteche è consentito solo per le funzioni di prestito e di restituzione, mentre rimarranno chiusi tutti gli spazi riservati alla consultazione e allo studio per l’intera durata delle disposizioni governative;
    🔸gli Spazi di Aggregazione e Studio in Autogestione (SASA), le sale di lettura nonché ogni altra aula studio rimarranno interdetti per l’intera durata delle predette disposizioni;
    🔸si raccomanda, in ogni ulteriore spazio, la scrupolosa osservanza delle disposizioni già emanate dalle competenti Autorità;
    🔸le missioni di cui al relativo Regolamento di Ateneo previste per il periodo di applicazione delle disposizioni governative dovranno essere nuovamente autorizzate dal Responsabile della Struttura di riferimento tenendo conto delle indicazioni e delle prescrizioni fornite dalle Autorità competenti in materia.

  2.  Rimangono assicurate le funzioni di front-office, le attività di ricevimento studenti e gli altri servizi all’utenza nella scrupolosa osservanza delle prescrizioni adottate dal Governo o comunque emanate da altre Autorità competenti;
    🔸parimenti, sempre nel rispetto delle predette prescrizioni, proseguono le attività e le funzioni di ricerca svolte da docenti, ricercatori, assegnisti, dottorandi, borsisti e tesisti.
  3. Rimane fermo quanto già disposto in relazione alla sospensione delle attività didattiche in presenza. Seguiranno dettagliate indicazioni tecniche circa lo svolgimento delle suddette attività in modalità “a distanza”.
  4. Su esami di profitto, di Laurea e di Dottorato. A eccezione delle sedute previste per i Dipartimenti di Scienze agrarie, alimentari ed ambientali e di Medicina Veterinaria oggetto del D.R. 388 del 4.3.2020, i restanti Dipartimenti provvederanno al regolare svolgimento delle sedute di esame di Laurea, di profitto e di Dottorato assicurando che il flusso di pubblico in sala abbia luogo in modo tale da garantire l’osservanza della distanza precauzionale di almeno un metro tra ciascuno dei presenti in sala.
    Unitamente a quanto sopra esposto, è ovviamente demandata alle regole di prudenza e buon senso l’adozione, da parte del Presidente di ciascuna Commissione, di ogni ulteriore misura si rendesse opportuna, anche in relazione alla dimensione degli spazi in cui si svolgono le prove, per la migliore gestione delle sedute.
  5. Rimane fermo quanto già disposto, in relazione ai Dipartimenti di Medicina Veterinaria e di Scienze Agrarie, alimentari ed ambientali, con D. R. 388/2020.
  6. Sono sospese le manifestazioni, gli eventi e le attività di qualsiasi natura che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro di cui all’allegato 1, lettera d) al DPCM 4.3.2020.
  7. Salvo successive diverse determinazioni adottate da parte di questo Ateneo o dalle competenti Autorità, ogni altra attività istituzionale dell’Università degli Studi di Perugia prosegue regolarmente nella scrupolosa osservanza delle prescrizioni sopra richiamate.
    🔸Tutti gli AGGIORNAMENTI per la comunità universitaria sul portale www.unipg.it

LASCIA UN COMMENTO