A Terni e Amelia “Passione secondo Giovanni” in musica

La Passione secondo Giovanni di Johann Sebastian Bach, uno dei massimi capolavori della musica di tutti i tempi, conclude la prima edizione del festival “Sacro Incanto” con due appuntamenti: martedì 12 aprile nel Duomo di Amelia e mercoledì 13 nella chiesa di San Pietro a Terni, sempre alle 20.30.

La “Passione” di J. S. Bach

La Passione secondo Giovanni è la prima in ordine cronologico delle Passioni composte da Bach e venne eseguita per la prima volta a Lipsia in occasione dei Vespri del venerdì santo del 1724 (ma Bach continuò a perfezionarla in occasione di successive esecuzioni, fino al 1749, dunque fino ad un anno prima della morte).

Un tenore, indicato nella partitura come Evangelista, narra la passione di Gesù riprendendo le parole del Vangelo secondo San Giovanni.

Al testo evangelico sono interpolati arie, duetti e cori su testi tratti da corali luterani, che commentano egli eventi della Passione.

Il compositore perugino Francesco Morlacchi, che era vissuto a lungo in Germania, fu il primo a proporre l’esecuzione delle Passioni di Bach in Italia nei primi decenni dell’Ottocento. Ma i tempi non erano ancora maturi e il suo progetto non si realizzò.

Protagonisti del concerto

La Passione secondo Giovanni è eseguita da un gruppo di interpreti particolarmente apprezzati proprio nel campo della musica del Settecento.

I cantanti solisti sono: Dario Ciotoli (Gesù, baritono), Carlo Putelli (Evangelista, tenore), Patrizia Polia (soprano), Elisabetta Pallucchi (contralto), Roberto Mattioni (tenore) e Federico Benetti (basso).

Con loro la Corale Amerina (Maestro del coro Gabriele Catalucci), il coro da camera Canticum Novum (Maestro del coro Fabio Ciofini) e l’orchestra barocca In Canto. Tutti sotto la direzione di Fabio Maestri, che ha già diretto questo capolavoro.

Ingresso libero e gratuito per i due concerti. L’evento “Sacro Incanto” è curato dall’associazione “InCanto” e realizzato con il contributo della Fondazione Carit – Cassa di Risparmio di Terni e Narni.

LASCIA UN COMMENTO