Accompagniamo i bimbi nella Realtà

I princìpi educativi che guidano le scuole gestite in Umbria dalla cooperativa sociale Walking, di ispirazione cattolica

Tempo di lettura: 123 secondi

All’ingresso dei tre istituti gestiti dalla cooperativa sociale Walking si trova un cartello con la frase di Ignazio di Antiochia: “Si educa attraverso ciò che si dice, di più attraverso ciò che si fa, ancor più attraverso ciò che si è”.La cooperativa sociale Walking è nata a Perugia più di dieci anni fa dall’iniziativa di alcuni genitori ed insegnanti di ispirazione cattolica, legata al movimento di Comunione e liberazione. Al centro dell’interesse di questa realtà c’è l’educazione dei fanciulli, affinché possano porsi nella società come individui liberi. La cooperativa Walking oggi gestisce tre scuole. A Perugia, il Conservatorio Antinori – istituto di antica tradizione, fondato nel 1851 per l’accoglienza di ragazze povere e orfane che venivano conservate fino al momento di crearsi una propria famiglia; oggi è una scuola per l’infanzia con sezione primavera e scuola primaria. A Sant’Angelo di Celle (Deruta), la scuola parrocchiale “Casa del Fanciullo” dedicato all’infanzia. A Todi la scuola dell’infanzia Maria Santissima del Campione. Il totale dei piccoli allievi è di circa 350. I principi educativi“Il principio ispiratore della nostra esperienza educativa è fondato sulla libertà di educazione – spiega la prof.ssa Almerina Bonvecchi, coordinatrice didattica dei tre istituti. – In particolare troviamo riferimento nel testo di don Luigi Giussani Il rischio educativo, che propone il valore dell’educazione come introduzione alla realtà attraverso l’esperienza. Essa è metodo di conoscenza del reale. Così abbiamo scoperto che bisogna sempre accompagnare il bambino nella realtà, facendogli fare esperienza di essa, e mostrargli che la realtà è sempre positiva”. Per questo motivo scaturiscono di volta in volta scelte didattiche originali ed un percorso scolastico pressoché personalizzato che abbia come obiettivo lo sviluppo armonico del bambino. Il rapporto con le famiglie resta sempre fondamentale: la famiglia, infatti, viene sempre riconosciuta come luogo primario dell’esperienza del bambino, mentre il maestro viene visto come punto di riferimento autorevole che propone i contenuti dell’eredità culturale del passato. La scuola, secondo l’approccio ispiratore della cooperativa sociale Walking, è il luogo di esperienza che attinge dalla tradizione la capacità di educare alla critica. I servizi offertiGrande flessibilità viene offerta nei tre istituti per rispondere al meglio alle esigenze delle famiglie: orari flessibili, apertura il sabato, mense interne, servizi pomeridiani (come aiuto nei compiti per i bambini della scuola primaria; laboratori, attività ludiche) ed anche attività sportive, per le quali è sorta una polisportiva dedicata al calcio ed al minivolley e corsi musicali. Per informazioniTutte le informazioni sono reperibili contattando il numero 075 40258.

AUTORE: Mariangela Musolino