Bassetti a Umbria Radio: «La GMG è una grande emozione anche per me»

L'arcivescovo di Perugia in partenza per la Gmg di Rio de Janeiro dove terrà le catechesi ai giovani

Tempo di lettura: 125 secondi

Mons. Gualtiero Bassetti
Mons. Gualtiero Bassetti

Mons. Gualtieri Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Ceu, alla vigilia della sua partenza per Rio de Janeiro, dove incontrerà i 288 giovani umbri accompagnati da nove sacerdoti e da sei seminaristi, ha rilasciato un’intervista a cura di Riccardo Liguori con la collaborazione di Barbara Roscini, che va in onda oggi lunedì 22 luglio nel gr delle ore 18.12. su Umbria Radio ed è disponibile in podcast sul sito della stessa radio.

«La GMG è una grande emozione anche per me”  ha detto mons. Bassetti ricordando le Gmg cui ha partecipato, a cominciare dalla Gmg del 2000. «A Rio de Janeiro – ha proseguito mons. Bassetti – c’è, certamente, una grande aspettativa per Papa Francesco, perché ormai Papa Francesco è anche cosi estroverso e così comunicativo che i ragazzi hanno già sperimentato la sua affabilità. Certo ci saranno anche da parte sua dei gesti e dei segni imprevedibili, come succede ogni volta che fa un incontro, quindi c’è anche nei nostri ragazzi una lieta sorpresa in questo senso. I ragazzi dell’Umbria, poi, hanno un’attesa particolare nei confronti del Santo Padre, perché lo stanno aspettando il 4 ottobre. Ormai l’Umbria è surriscaldata e i nostri giovani vogliono essere in qualche modo loro i protagonisti. Sono partiti per il Brasile anche con questo entusiasmo di un arrivederci a breve termine, ma è un arrivederci molto significativo, perché questa volta Papa Francesco sarà nel cuore della loro regione, ad Assisi».

«Anche per me – ha aggiunto mons. Bassetti – la GMG di Rio de Janeiro sarà un’esperienza forte di missione, che potrebbe essere la “sintesi” anche di tutte quelle ho fatto con le precedenti Giornate Mondiali della Gioventù, per cui penso che anche il mio “zaino di pellegrino”, come quello di tanti giovani, si possa arricchire di esperienze di umanità. Sono sicuro che quello che avverrà nei giovani, avverrà anche nella mia persona, perché poi queste esperienze forti ti passano dentro e diventano anche il sangue del tuo sangue e vita della tua vita».

Nell’attesa dell’arrivo di mons. Bassetti a Rio de Janeiro (previsto nella mattinata di lunedì 22 luglio), i giovani umbri si sono recati sulla collina di Rio, dove si trova il grande Cristo Redentore, girando un video, visto anche dallo stesso mons. Bassetti. «Sono immagini – ha commentato l’arcivescovo – che testimoniano la felicità dei nostri ragazzi nello stare insieme avvicinandosi a Gesù attraverso la preghiera, i canti, la musica, i momenti di festa, perché diventare suoi discepoli nella vita è una gioia immensa».