Celebrata la memoria liturgica della Santa Famiglia di Nazareth

 

PERUGIA – “La famiglia di Nazareth è un prototipo e una scuola di vita. L’opera più grande di salvezza avviene all’interno di una famiglia. Ecco perché la nostra famiglia è il luogo privilegiato dove si compie la volontà di Dio. Lì si realizza la redenzione». A sottolinearlo è stato il vescovo ausiliare di Perugia-Città della Pieve mons. Marco Salvi durante l’omelia della celebrazione eucaristica della memoria liturgica della Santa Famiglia di Nazareth, domenica 27 dicembre, nella chiesa parrocchiale di San Sisto (Pg) dedicata proprio alla Sacra Famiglia.

Negli anni precedenti, questa significativa ricorrenza, promossa dall’Ufficio diocesano per la pastorale familiare, vedeva la partecipazione di centinaia di famiglie a diversi incontri e attività per adulti e fanciulli. Quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria, è stata circoscritta alla celebrazione eucaristica e alla presentazione dei nuovi direttori dell’Ufficio diocesano per la pastorale familiare, Luca e Roberta Convito, salutati e accolti da mons. Salvi, che, nel contempo, ha ringraziato gli uscenti, i coniugi Gianluca e Maria Rita Carloni. Nel corso della celebrazione è stato dato spazio alla testimonianza di una famiglia, che ha raccontato come ha vissuto il difficile momento del lockdown, con figli piccoli in casa, sostenuta anche dalla fede.

E sulla fede, fondamento della famiglia cristiana, si è soffermato, sempre nell’omelia, il vescovo ausiliare: “La famiglia è lo spazio della normalità della vita e della fede – ha evidenziato il presule –. Non è nei discorsi, non è nei pensieri e neanche nei sentimenti che si sviluppa il disegno di salvezza di Dio: ma è nelle circostanze quotidiane. Non si può fondare una famiglia sull’istintività o sul sentimentalismo. Ogni atto quotidiano più normale che compiamo è legato all’eternità di Dio. Anche il gesto più semplice come ad esempio dare lo straccio in terra, non è banale: qui, nel quotidiano della famiglia, l’Eterno si manifesta”.

Al termine della celebrazione è stata impartita una speciale benedizione agli sposi presenti, che hanno anche potuto rinnovare le promesse matrimoniali. E’ stato anche annunciato che la tradizionale Sacra rappresentazione dell’arrivo dei re magi per l’adorazione di Gesù Bambino, sempre promossa dalla Pastorale familiare nel giorno dell’Epifania del Signore, si terrà quest’anno a livello parrocchiale, a San Sisto, il prossimo 6 gennaio (ore 15.30), in forma estremamente contenuta nel rispetto delle norme anti contagio da Covid-19.

LASCIA UN COMMENTO