Concilio – Anno della fede: dopo 50 anni scorre la stessa linfa

Tempo di lettura: 204 secondi

Le parole di Benedetto XVI nella cerimonia di inaugurazione dell’Anno della fede in Vaticano

“L’Anno della fede che oggi inauguriamo è legato coerentemente a tutto il cammino della Chiesa negli ultimi 50 anni”. Lo ha ricordato Benedetto XVI, questa mattina, nell’omelia della messa di apertura celebrata in piazza San Pietro.

Il Papa ha sottolineato come questo cammino passi “dal Concilio, attraverso il Magistero del Servo di Dio Paolo VI, il quale indisse un ‘Anno della fede’ nel 1967, fino al Grande Giubileo del 2000, con il quale il beato Giovanni Paolo II ha riproposto all’intera umanità Gesù Cristo quale unico Salvatore, ieri, oggi e sempre. Tra questi due Pontefici, Paolo VI e Giovanni Paolo II, c’è stata una profonda e piena convergenza proprio su Cristo quale centro del cosmo e della storia, e sull’ansia apostolica di annunciarlo al mondo”. Nell’omelia il Santo Padre ha fatto memoria del Concilio, “che alcuni di noi qui presenti”, ha detto all’inizio, “hanno avuto la grazia di vivere in prima persona”.

“In questi decenni – ha osservato nell’omelia Benedetto XVI – è avanzata una ‘desertificazione’ spirituale. Che cosa significasse una vita, un mondo senza Dio, ai tempi del Concilio lo si poteva già sapere da alcune pagine tragiche della storia, ma ora purtroppo lo vediamo ogni giorno intorno a noi. È il vuoto che si è diffuso. Ma è proprio a partire dall’esperienza di questo deserto, da questo vuoto che possiamo nuovamente scoprire la gioia di credere, la sua importanza vitale per noi uomini e donne”. “Nel deserto – ha aggiunto – si riscopre il valore di ciò che è essenziale per vivere; così nel mondo contemporaneo sono innumerevoli i segni, spesso espressi in forma implicita o negativa, della sete di Dio, del senso ultimo della vita”. Per questo “oggi più che mai evangelizzare vuol dire testimoniare una vita nuova, trasformata da Dio, e così indicare la strada”. Da qui la raffigurazione di questo Anno della fede come “un pellegrinaggio nei deserti del mondo contemporaneo, in cui portare con sé solo ciò che è essenziale: non bastone, né sacca, né pane, né denaro, non due tuniche”, ma “il Vangelo e la fede della Chiesa, di cui i documenti del Concilio ecumenico Vaticano II sono luminosa espressione, come pure lo è il Catechismo della Chiesa cattolica, pubblicato 20 anni or sono”.

Tra i presenti i Padri conciliari

Eccoli, una teoria di rosso e di porpora: cardinali e vescovi sfilano come mezzo secolo fa all’inaugurazione del Concilio Vaticano II, e tra loro ci sono davvero 14 Padri conciliari di allora, dei 70 ancora viventi. Sono il card. Francis Arinze (già prefetto della Congregazione per il culto divino), card. Serafim Fernandes de Araújo, card. Giovanni Canestri (arcivescovo emerito di Genova), mons. José Mauro Ramalho de Alarcón Santiago, mons. Yves-Georges-René Ramousse, mons. Georges-Hilaire Dupont, mons. Felice Leonardo (vescovo emerito di Cerreto Sannita – Telese – Sant’Agata dei Goti), mons. Luigi Bettazzi (vescovo emerito di Ivrea), mons. Arturo Antonio Szymanski Ramirez, mons. Hilarion Capucci, mons. Robert Casimir Tonyui Messan Dosseh-Anyron, mons. William John McNaughton, mons. Roberto Cáceres, mons. Colin Cameron Davies. Tra loro vi sono i vescovi che in questi giorni partecipano al Sinodo, e i Presidenti di tutte le Conferenze episcopali del mondo.

Consegna dei messaggi del Concilio

Come, in chiusura del Vaticano II, Paolo VI consegnò i Messaggi al popolo di Dio, ora quegli stessi messaggi vengono consegnati da Benedetto XVI a varie categorie di persone. Ai governanti, agli uomini di scienza e di pensiero, agli artisti, alle donne, ai lavoratori, ai poveri, ammalati e sofferenti, ai giovani.

Consegna del Catechismo della Chiesa cattolica

Infine, accanto al 50° del Concilio l’Anno della fede fa memoria del 20° anniversario di promulgazione del Catechismo della Chiesa cattolica. Allora Benedetto XVI consegna copia del testo – in una edizione speciale – a due rappresentanti dei catechisti: Caroline Fairey, del Maryvale Institute di Birmingham e Tommaso Spinelli, catechista presso la parrocchia romana di Santa Melania Juniore.

In sintesi di tutto, al centro campeggiano la Parola e l’attenzione alla società: la linfa vitale del Concilio continua a scorrere potente nella Chiesa.

(Discorsi, immagini e video sul sito ufficiale  www.annusfidei.va)